BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MONTI A WASHINGTON/ Obama: Italia e Usa mai così vicini

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Ora che ha ricevuto ha l’imprimatur americano, sembra che sul cammino di Mario Monti non si frapponga ormai più ostacolo alcuno. Il premier italiano è stato, ieri, in visita al presidente Obama, dal quale ha ricevuto un appoggio pieno e incondizionato. Tra le misure sulle quali i due si sono trovati maggiormente d’accordo, la necessità di concentrarsi sullo sviluppo e di adottare firewalls tali da mettere in sicurezza l’euro. La cui rovina – ed Obama, lo sa bene, tanto che ultimamente è divenuto oggetto di campagna elettorale – provocherebbe un contagio globale di cui ne risentirebbe indubbiamente anche l’America. In tal senso, l’inquilino della Casa Bianca, ha garantito all’Italia pieno appoggio. Anche se non sarà preso in considerazione, ha specificato Monti, un intervento dell’Fmi in Italia. Che, d’altronde, di norma è sinonimo di pesante commissariamento. Obama ha, dunque, spiegato che le relazioni tra le due nazioni «non sono mai state più forti». Il presidente Usa si è detto, inoltre, convinto del fatto che Monti sarà in grado, grazie alle competenze, alla sua leadership e alle decisioni assunte in tempi così rapidi, di trascinare l’Italia fuori dalle sacche della crisi. «Voglio solo dire quanto noi apprezziamo la poderosa partenza, una partenza a razzo, e le misure molto efficaci che sta promuovendo», ha aggiunto. Il professore della Bocconi, dal canto suo, ha definito le parole di Obama un grande incoraggiamento per l’azione del proprio governo in particolare sul fronte del consolidamento fiscale. «Oggi il mondo e i mercati vivono di una merce rara che è la credibilità», ha detto sottolineando come l’appoggio dato da Obama rappresenti «già di per sé un aiuto concreto». Un altro colpo messo a segno è stato rappresentato dallo schierarsi di Obama contro la politica economica di Angela Merkel. Monti, a Obama che gli chiedeva come incrinare il rigore assoluto della cancelliera tedesca, ha spiegato che la Germania considera tuttora l’economia come un’emanazione della filosofia morale. Dopo aver colloquiato di fronte al celebre caminetto della Stanza Ovale, Obama ha ancora una volta espresso tutta la sua stima al premier italiano, stringendo con due mani quella del suo interlocutore.al suo solito fare austero, commentando: «il rapporto umano con Obama è così facile…» 


  PAG. SUCC. >