BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SONDAGGI/ Piepoli: Pdl in rimonta, ma Monti...

Infophoto Infophoto

Guardi,  faccio solo presente che il premier ha bocciato le Olimpiadi. La decisione sarebbe stata avversata dall’80 per cento dagli italiani solamente tre mesi fa. Attualmente, invece, è approvata dal 70 per cento.

Da cosa è determinata tale tendenza?

Dal desiderio, probabilmente, di essere considerati uguali agli altri Paesi europei; in qualche modo Monti ha risvegliato l’orgoglio degli italiani.  

In che condizioni versano, invece, i principali partiti?

Il Pd, attualmente, è attorno al 30 per cento, in posizione oscillatoria; più tendente verso il calo, che verso la crescita. Il Pdl, invece, è basso, attorno al 24-25 per cento, ma tende a salire.

Come è possibile?

Che lo si voglia, o meno, il governo Monti è un governo di destra. Così, per lo meno, viene prevalentemente percepito dalle persone. Non è un caso che questo esecutivo gode del 60 per cento di appoggi a destra e del 40 a sinistra.

E l’Udc?

Sta salendo, attestandosi, attualmente, attorno al 7 per cento.

Qual è, invece, la situazione di Lega e Italia dei Valori? Stare all’opposizione paga?

Per quando riguarda il partito di Bossi, direi decisamente di sì. Era all’8 per cento, ora viaggia sul 10. L’Italia dei Valori, invece, è fermo al 5 – 5 e mezzo per cento. La sua posizione, infatti, non viene ancora identificata precisamente. Gli elettori non comprendono se collocarla nella maggioranza o all’opposizione.  

Soffermiamoci sulla Lega: le risulta che, in Veneto, stia subendo un tracollo?

Mi risulta che sia, complessivamente, in salita.

Di recente ha fatto molto clamore la vittoria del Vendoliano Marco Doria alle primaria del Pd; crede che il suo trionfo giovi, in sostanza, più al centrodestra o al centrosinistra?

Per il momento, possiamo dire soltanto che giova al partito di Vendola. Non si possono fare proiezioni su dati che, oggettivamente, non sono ancora disponibili.  

© Riproduzione Riservata.