BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGA NORD/ Bossi contro Tosi, la "gatta da pelare" che guarda in alto...

Pubblicazione:lunedì 12 marzo 2012 - Ultimo aggiornamento:giovedì 18 ottobre 2012, 18.10

Flavio Tosi e Silvio Berlusconi (InfoPhoto) Flavio Tosi e Silvio Berlusconi (InfoPhoto)

Non è facile dire a cosa si arriverà, ma credo che alla fine una soluzione potrà essere una lista civica non direttamente denominata “Tosi”, ma comunque chiaramente connotata per uscire da questa impasse. Ma è un’opinione strettamente personale.

Qual è invece la posizione di Castelli, che recentemente ha detto che «Tosi può andare tranquillamente da solo con la sua lista ed è in grado anche di vincere».

Castelli non si colloca né da una parte né dall’altra. Dovrebbe essere un bossiano, ma non è inserito nell’organigramma in senso correntizio, quindi in questo periodo è una sorta di battitore libero che dice semplicemente quel che pensa.

In un recente articolo ha parlato della rinascita dell’asse Bossi-Tremonti. Che cosa intende?

Giulio Tremonti è un ora fuori da tutti i giochi, dopo essere stato considerato per mesi il primo della politica italiana, in certe fasi anche più di Berlusconi, mentre adesso si ritrova praticamente senza un partito e senza incarichi particolari. Dall’altra parte c’è Bossi, che comincia a vedere quanto terreno ha perso la Lega in questi mesi. Forse non elettoralmente, ma stiamo comunque parlando di un partito in difficoltà che rischia di peggiorare con i nuovi movimenti che avverranno nella politica italiana da qui a un anno. E’ forse ingeneroso definire l’asse Bossi-Tremonti un’unione di due difficoltà, però certamente entrambi stanno attraversando un momento di questo tipo. In fondo, nonostante diversi attriti passati, il loro rapporto personale è sempre stato più che saldo.

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.