BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Polito: esteri, Rai e giustizia, non è roba da tecnici

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Mentre su come si salva il Paese dal baratro finanziario le opinioni dei due partiti maggiori non divergono più di tanto (e vengono volentieri lasciate ai tecnici le decisioni più impopolari), su tutto il resto sono radicalmente diverse. Di conseguenza non esiste una vera maggioranza in Parlamento sui temi che scottano, dalla Rai alla giustizia. Sono delle mine ereditate dalla passata legislatura che Monti non può maneggiare.

E come farà il governo a non incartarsi, dato che sono state inserite di nuovo in agenda?
 
Quello che Monti potrebbe fare a mio avviso è ottenere il via libera nel poter applicare sistemi di efficienza nei due settori. Se si dovesse parlare di separazione delle carriere, infatti, la maggioranza non esisterebbe più, mentre sull’esigenza di rendere il sistema più efficiente ci sarebbe un’ampia convergenza.
Lo stesso vale per la Rai. Scegliere un cda e un direttore generale che possa agire con efficacia è un obiettivo raggiungibile.  

In vista delle amministrative, Palermo e Verona si rivelano i casi più interessanti?

Il voto veronese ci permetterà di capire come potrà concludersi la sfida interna alla Lega, con un sindaco che prova ad aprire una stagione nuova. Ma sarà la tornata nella cosiddetta Padania a pesare. Alle elezioni andranno infatti dodici città capoluogo (più i comuni minori) di cui otto attualmente nelle mani del centrodestra.
Dopo la “caduta” di Milano, un’eventuale avanzata al Nord del centrosinistra sarebbe un fatto politico decisamente rilevante, che proverebbe, tra le altre cose, che solo l’alleanza tra la Lega e il Pdl assicura il Settentrione al centrodestra.

Nel capoluogo siciliano si può invece parlare di un “laboratorio” Pdl-Udc?

Stiamo parlando della terra di Angelino Alfano e della regione nella quale l’Udc raccoglie più voti. Per questo motivo non minimizzerei, anche se le primarie del centrosinistra riaprono una partita che storicamente è nelle mani del centrodestra.  
Detto questo, è ancora presto per trarre delle indicazioni su quelli che sono i progetti di Casini. D’altronde il leader dell’Udc ha sempre detto che quando il centrosinistra sceglie candidati in maniera autonoma, l’Udc non li accetterà mai.

(Carlo Melato)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.