BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RIFORMA LAVORO/ 1. Polito: così Monti mette fine al potere di veto dei sindacati

Pubblicazione:mercoledì 21 marzo 2012 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 21 marzo 2012, 9.58

I segretari delle tre principali sigle sindacali (Foto: Infophoto) I segretari delle tre principali sigle sindacali (Foto: Infophoto)

Al termine di una nuova lunga giornata di trattative, il premier Mario Monti ha annunciato una riforma del mercato del lavoro «solida e coerente con la Fornero-uno, quella delle pensioni». Solo sull’articolo 18 l’accordo con la Cgil non è stato raggiunto. La partita però è chiusa definitivamente e non verrà riaperta nemmeno giovedì, quando è previsto l’incontro finale.
«Il governo esce molto rafforzato da questa vicenda – dice Antonio Polito a IlSussidiario.net –. Ha perseguito con determinazione l’obiettivo e l’ha raggiunto, senza costringere nessuna delle parti sociali all’umiliazione della sconfitta. Non solo, ha riaffermato la centralità del Parlamento, dove è destinata a essere approvata, anche se potrà verificarsi qualche singolo dissenso».

Il governo ha voluto quindi privilegiare i contenuti che si era prefissato rispetto all’intesa con tutti i sindacati?

Ciò che conta di una riforma è che sia efficace e riconosciuta come tale. Ora che deve partire per l’Estremo Oriente il premier potrà infatti spiegare con forza che non esistono più buone ragioni per non investire in Italia. E direi che questo è decisamente preferibile rispetto a una riforma inefficace fatta con il consenso di tutti. Il potere di veto non esiste più e, se guardiamo con attenzione, non si può certo dire che i sindacati abbiano ottenuto poco.

A cosa si riferisce?

Ad esempio alla flessibilità in entrata. Gli stage non retribuiti verranno proibiti, i rapporti di lavoro a tempo determinato saranno resi più sconvenienti e ci sarà maggiore attenzione rispetto alle partite iva utilizzate per coprire il lavoro subordinato. Non solo, la platea di quelli che godranno di un assegno di disoccupazione si allargherà enormemente, da un milione a dodici milioni circa.
Anche per quanto riguarda la flessibilità in uscita mi sembra poi che siano state introdotte norme di grande civiltà.

L’accordo non è stato possibile solo sui licenziamenti per motivi economici?

Sì, ma non dimentichiamoci che i licenziamenti discriminatori diventeranno nulli anche per le aziende sotto i 15 dipendenti. In questo ambito si può parlare quindi di un’estensione dell’art. 18. Sui licenziamenti disciplinari invece deciderà il giudice, come avviene in Germania. Infine, su quelli per motivi economici, all’azienda viene riconosciuta la possibilità di riorganizzare il lavoro, licenziando ad esempio il centralinista, se decide di dotarsi di un centralino automatico. Il lavoratore però dovrà essere risarcito dai 15 ai 27 mesi, a cui bisognerà poi aggiungere l’assegno di disoccupazione. 

Tutto questo non è bastato a convincere Susanna Camusso.


  PAG. SUCC. >