BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Governo-Bersani, un braccio di ferro pericoloso

Pubblicazione:

Monti e Bersani (Infophoto)  Monti e Bersani (Infophoto)

Il ruolo di mediazione esercitato dal presidente della Repubblica. Sono convinto infatti che Napolitano farà di tutto per evitare che Monti e il Pd arrivino ai ferri corti. 
Nel merito il compromesso avanzato da Bersani mi sembra ragionevole: affidare ai giudici la decisione sui licenziamenti motivati con ragioni economiche. In fondo è questo il senso del modello tedesco ed è come se il Pd avesse accettato di mettersi in discussione su un tema sensibile. Francamente un irrigidimento da parte di Mario Monti sarebbe difficilmente comprensibile. 

Secondo lei c’è la possibilità che il premier possa compensare con altri temi questo “schiaffo” dato a sinistra? 

Per farlo dovrebbe mettere in cantiere un pacchetto di interventi di tipo economico in grado di garantire nuova occupazione. Non credo però che il governo abbia queste risorse. Purtroppo l’articolo 18 è diventato un simbolo e la quadra si potrà trovare solo se ciascuno farà un passo in avanti. Francamente credo che Bersani più di questo non possa fare e forse non sarebbe nemmeno giusto che il Pd pagasse un prezzo così alto per una questione che molti imprenditori ritengono non fondamentale. 

Questo momento di difficoltà del Pd secondo lei rilancia i suoi avversari, dal Pdl, ai partiti che stanno alla sua sinistra?

Diciamo che se il Partito Democratico non sta molto bene non si può dire che i suoi avversari scoppino di salute. Le difficoltà del Pd infatti sono sistemiche e appartengono al quadro politico nel suo insieme. 
Siamo di fronte a un passaggio fondamentale, se anche il Corriere della sera si rivolge agli imprenditori chiedendogli a gran voce di rompere gli indugi e rilanciare gli investimenti. Ed è un passaggio che non può essere letto solo con le lenti della politica. A mio avviso, non è in gioco il destino del Pd, ma quello del Paese.

(Carlo Melato) 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.