BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VIAGGIO IN CINA/ Monti, impariamo dal flop di Prodi

Monti ieri si è lasciato alle spalle le polemiche sull’articolo 18 per iniziare un lungo viaggio in Estremo Oriente che lo porterà a Seul, Tokio e Pechino. L'intervista a FRANCESCO SISCI

Mario Monti (Infophoto) Mario Monti (Infophoto)

Ieri il presidente del Consiglio Mario Monti si è lasciato alle spalle le polemiche sull’articolo 18 per iniziare un lungo viaggio in Estremo Oriente che lo porterà a Seul, Tokio e Pechino. Al suo fianco la moglie Elsa e un discreto numero di giornalisti. «Il tempo delle grandi carovane di imprenditori per fortuna è finito – spiega a IlSussidiario.net Francesco Sisci, commentatore de Il Sole 24 Ore –. La Cina infatti non è più un paese da scoprire e oggi l’Italia ha bisogno di attrarre investimenti, non di prometterne come ha fatto in passato, collezionando tra l’altro brutte figure».

Prima di raggiungere la Cina, il premier sarà in Corea del Sud e in Giappone. Quali sono secondo lei gli obiettivi di questo “road show”?

La tappa coreana ha una grande importanza perché proietta il Paese in una dimensione globale che troppo spesso è stata trascurata. L’Italia, partecipando alla discussione sulla sicurezza nucleare, si allontana infatti dalle sue preoccupazioni immediate e torna in un certo senso nel Club dei grandi.
La visita in Giappone è significativa invece su un altro piano. Stiamo parlando della più grande potenza tecnologica dell’Asia e di una delle più importanti potenze commerciali del mondo. Non solo, è uno dei grandi acquirenti del debito europeo e del nostro stesso debito.

Infine la Cina.

Senz’altro l’appuntamento più importante, anche perché l’Italia manca dai tempi di Romano Prodi. Silvio Berlusconi infatti non è mai venuto qui nella veste di presidente del Consiglio. Si è trattato nel suo caso di brevi passaggi, magari come presidente di turno dell’Unione europea.
La Cina ad ogni modo è il Paese con le maggiori riserve del mondo ed è la più grande potenza emergente. Il futuro del mondo è legato a ciò che succederà a Pechino e la scelta di comprare o meno debito italiano si rivelerà molto importante per il nostro Paese.

Con che immagine si presenterà Mario Monti a questo appuntamento?

Innanzitutto, la differenza tra governo tecnico e governo politico è difficile da capire per i cinesi, si tratta di questioni iniziatiche. Monti viene visto come il capo di un governo che ha saputo dare un cambio di immagine al suo Paese. Si è cambiato registro, l’uomo è serio, credibile e mantiene ciò che promette. I cinesi sanno che la situazione italiana sta migliorando, ma non sono certo dei sempliciotti. Al contrario, sono molto sofisticati.

Cosa intende dire?