BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LEGGE ELETTORALE/ 2. Se basta il "diversivo" di una legge a far rifiatare Monti

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

A mio avviso la sua dichiarazione drammatizza il tema della riforma del mercato del lavoro e lascia intuire che il rischio che questo nodo non si risolva esiste. Non solo, lascia emergere una debolezza. Ed è quantomeno singolare che questo accada durante un viaggio all’estero nel quale bisognerebbe cercare di vendere al meglio l’immagine dell’Italia. 

Al suo ritorno quanto è alto il rischio di un “vietnam parlamentare” sulla riforma del lavoro?

Il pericolo c’è, dato che nessuno può prevedere l’umore dei partiti dopo il voto delle amministrative. È probabile che alcuni di questi escano molto indeboliti e potrebbero generarsi delle spinte centrifughe. Non solo, questa è una riforma di rottura, che porrà dei problemi seri a sinistra.  

Il Pd, durante la Direzione Nazionale, è riuscito a compattarsi. Un’unità solo di facciata?

Diciamo che il gruppo dirigente ha capito che non può permettersi una spaccatura su questo argomento. Il fatto però che il richiamo al Presidente della Repubblica, fatto da Bersani, sia rimasto senza applausi mi ha colpito e sorpreso.
Evidentemente l’identificazione con Monti fa pagare un prezzo anche al Quirinale e l’anima montiana interna al Partito Democratico è costretta a giocare in difesa. Con tutto ciò che ne consegue…

© Riproduzione Riservata.