BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

PDL/ Berlusconi: non cambio partito, ma il nome va ripensato

Silvio Berlusconi (Foto Imagoeconomica)Silvio Berlusconi (Foto Imagoeconomica)

Circa la possibilità di altre riforme condivise, Berlusconi ha detto che ritenere importanti anche quelle della giustizia, del lavoro e del fisco. Naturalmente, importante sarà anche la riforma della legge elettorale.

Berlusconi ha poi fatto un affondo nei confronti della Corte Costituzionale, dicendo che non è più un organo di garanzia, ma politico. Questo perché gli ultimi tre Presidenti della Repubblica, appartenenti alla sinistra, hanno indicato come componenti delle personalità vicine allo stesso mondo della sinistra. Dal 2005 al 2010, ha spiegato l’ex Premier, la Corte Costituzionale ha abrogato per 214 volte leggi o parti di esse, mentre negli Usa è successo solo 7 volte.

© Riproduzione Riservata.