BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

PRIMARIE PALERMO/ Ferrandelli vince di un soffio, ma si ricontano le schede

Fabrizio Ferrandelli rappresenterà il centrosinistra alle prossime elezioni comunali di Palermo che si terranno il 6 e 7 maggio. Il trentenne impiegato di banca ha ottenuto 9.945 voti

Pier Luigi Bersani e Rita Borsellino (InfoPhoto)Pier Luigi Bersani e Rita Borsellino (InfoPhoto)

Fabrizio Ferrandelli rappresenterà il centrosinistra alle prossime elezioni comunali di Palermo che si terranno il prossimo 6 e 7 maggio. Il trentenne impiegato di banca ha ottenuto infatti 9.945 voti, 160 in più della seconda candidata, Rita Borsellino, fermatasi invece a 9.785. «È una candidatura voluta dai palermitani - ha detto Ferrandelli dopo la vittoria -. Voluta da quei palermitani che scelgono da soli i progetti più validi. Da domani chiamerò tutti i candidati, tutte le forze politiche perché adesso bisogna essere uniti per andare a riscattare questi dieci anni di degrado così grande che solo una città forte come Palermo poteva sopportare». Il terzo candidato alle primarie, il deputato regionale del Pd Davide Faraone, si è invece fermato a quota 7.975 voti, mentre la consigliera comunale Antonella Monastra ha ottenuto 1.750 preferenze. Il risultato non è ancora però ufficiale, visto che si parla di schede nulle e di altre contestate e irregolari, così è stato richiesto un nuovo conteggio. La possibilità di eventuali brogli non spaventa comunque Ferrandelli, che ha commentato: «Ben vengano i conteggi delle schede che non potranno certo cambiare il risultato che è stato determinato soprattutto dalle borgate e dai quartieri popolari di Palermo». Il candidato vincitore ha poi parlato della sua sfidante: «Tutte le segreterie nazionali appoggiavano la candidatura di Rita Borsellino, questa volta ha prevalso l'orgoglio dei palermitani che non si lasciano imporre le scelte dall'alto». E mentre iniziavano i festeggiamenti per la vittoria in piazza Rivoluzione, Ferrandelli ha continuato a spiegare che «adesso i partiti del centrosinistra non potranno fare altro che appoggiarmi, saremo insieme in questa grande coalizione. Più tardi chiamerò tutti i candidati e tutte le forze politiche del centrosinistra per iniziare l'avanzata verso il Comune di Palermo. E' insieme che si costruisce Palermo. Così come avrei fatto io in caso di loro vittoria, sono certo che anche loro sosterranno la mia candidatura». E ancora: «Adesso dovremo metterci attorno a delle idee progettuali forti per riscattare Palermo.