BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RIFORME/ Violante: meno parlamentari e premier forte, ecco la nostra proposta

Pubblicazione:lunedì 5 marzo 2012

Infophoto Infophoto

La sospensione delle ostilità tra le principali forze politiche, che si è verificata in seguito all'insediamento del governo Monti, ha prodotto un risultato politico fino a pochi mesi fa impensabile. I partiti che sostengono l'attuale maggioranza hanno infatti raggiunto un accordo sulla riforma dell'architettura istituzionale del nostro Paese. Luciano Violante (Pd), Gaetano Quagliariello (Pdl), Ferdinando Adornato (Udc), Italo Bocchino (Fli) e Pino Pisicchio (Api) hanno stilato un documento per sfoltire il numero dei parlamentari (i deputati passeranno da  630 a 508, i senatori da 315 a 254), aumentare i poteri del premier e superare il bicameralismo perfetto. Abbiamo chiesto a Violante di illustrare a IlSussidiario.net i connotati principali.

A cosa serve tagliare i parlamentari, oltre che a ridurre i costi?

La questione dei costi è del tutto marginale. Lavoriamo, anzitutto, sull’ottimizzazione della rappresentanza politica. Non solo diminuendo il numero dei parlamentari, ma anche correggendo l’elettorato attivo e passivo.
Abbiamo previsto che i cittadini possano votare i propri rappresentanti sia alla Camera che al Senato a 18 anni (per il Senato servono 25 anni). E che possano essere eletti deputati a 21 anni (attualmente possono esserlo a 25) e senatori a 35 (ora è necessario averne 40). Ebbene: ampliare la base e ridurre il numero di deputati e senatori costruisce un rapporto migliore tra elettore ed eletto.

Si era parlato, all’inizio, di un dimezzamento.

Con 315 deputati avremmo collegi di 600mila persone. Troppo grandi perché la rappresentanza possa funzionare.

Come intendete potenziare il ruolo del presidente del Consiglio?

La fiducia sarà data direttamente a lui, non più al governo. Il premier, inoltre, avrà il potere di chiedere il voto a data fissa dei provvedimenti dell’esecutivo, con la garanzia che siano approvati, in particolare, in vista degli incontri internazionali. Sarà possibile sfiduciarlo solamente attraverso la "sfiducia costruttiva". Quando, cioè, la maggioranza assoluta (la metà più uno di tutti i deputati e senatori) indicherà il nuovo presidente del Consiglio. Per ottenere la fiducia, invece, sarà sufficiente la maggioranza semplice (la metà più uno dei votanti).

Come prevedete, invece, di superere il bicameralismo perfetto?


  PAG. SUCC. >