BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ 1. Un "quid" tra Alfano e Berlusconi rilancia il Monti bis (e Riccardi)

Alfano, Monti e Riccardi (Imagoeconomica)Alfano, Monti e Riccardi (Imagoeconomica)

Poi anche la Lega ci ha messo del suo. Tralasciamo le parole in libertà di Bossi, ma anche il moderato Maroni si e messo a dire che se c’erano loro, con Frattini, non avrebbero fatto la figura dei «peracottari» con l’India. Dimenticando però il caso Battisti, la visita di Berlusconi in Brasile con annessa allegra festicciola di Walter Lavitola e il ricevimento di Lula all’ambasciata brasiliana con il premier accompagnato dai gioielli brasiliani del Milan, altro che mostrare i muscoli come oggi non farebbe fare Monti.

Ora però Alfano – ma ha pieno titolo per dirlo? – dice che con la Lega è finita. Trascurando anche qui di dire che è stato un errore allearsi con Bossi a prezzo di buttare a mare Casini. Non perché Casini sia più simpatico, ma perché – semplicemente – milita nello stesso Ppe al quale ora Alfano tardivamente guarda per poter ripartire per un nuovo partito. Certo, non c’è dubbio che lì si andrà a finire, ma ho l’impressione che un progetto di Ppe italiano sia ancora lontano.

Casini può lucrare su alcune intuizioni lungimiranti, ma intanto ha un partito debole alle spalle e un terzo polo con mille incognite ancora tutto da carburare, e sa che andare a fare il donatore di sangue a due partiti in piena crisi come il Pd  e il Pdl decreterebbe la sua fine. Allora niente di meglio che proporre un Monti bis, dall’anno prossimo, dopo un voto che potrebbe concludersi con un nulla di fatto, con tre poli, nessuno dei quali autosufficiente, e costretti a mettersi d’accordo in Parlamento, come già accade ora.

Converrebbe a tutti. Fare un po’ di autocritica e di penitenza, rimettendo tutti insieme in carreggiata l’Italia. Prima di riprendere la solfa di una politica che fa schifo. Sì, fa schifo una politica che pensa solo a litigare per interessi di bottega  e non fa le riforme che servono al Paese a mettersi in salvo.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
09/03/2012 - spieghiamoci bene (francesco taddei)

se il voto sarà un pareggio sarà per colpa della tanto invocata nuova legge elettorale che mette tutti i politici d'accordo tranne gli italiani, ai quali sarà negata la possibilità di scegliere chi li governa, con quali alleati e con quale programma. poi visto che monti non può occuparsi di tutto perchè non pensare ad un presidenzialismo(con possibilità di indire referendum anticaste), visto che l'intervento del presidente ci ha tolto le grane dal fuoco?