BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BOSSI/ Inaugurazione di viale Padania, la contestazione: Disgraziati

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

Umberto Bossi dà dei disgraziati ai cittadini di Marcallo con Casone, o almeno quei pochi che ieri sono intervenuti a contestarlo. Paesino della provincia di Milano di circa 6mila abitanti, ieri Marcallo di Casone ha visto la presenza del leader della lega che insieme a Roberto Cota, Andrea Gibelli e il sindaco leghista della cittadina Massimo Olivares è intervenuto all'inaugurazione di viale Padania, una nuova strada della città. Ma sul posto il senatùr ha trovato una ventina di contestatori che sventolando il tricolore gli hanno gridato vergogna e buffoni, la Padania non esiste. Bossi, nel suo stile, non si è perso d'animo e ha risposto loro chiamandoli disgraziati. E commentando l'episodio ha aggiunto: "L'Italia la vogliono in pochi: ci sono forze potentissime che vogliono la Padania". In realtà Bossi ha commentato l'accoglienza a mezza voce mentre invece nel piccolo comizio di inaugurazione si è così espresso verso i suoi sostenitori cercando di ignorare i contestatori: L'Italia la vogliono solo i pochi rimasti, non c'è speranza per i tricoloristi che perdono tempo, perchè vengono forze potentissime che non vogliono l'Italia ma la Padania. Bossi ha poi voluto ricordare la sua opposizione nei confronti del capo del governo Mario Monti e ha citato un episodio di cui non ci sono riscontri. Secondo Bossi, Monti nel tentativo di trovare un accordo con la Lega avrebbe invitato con una telefonata il leader della Lega a un incontro con le famiglie davanti al Sacro Monte di Varese. Anche Monti infatti è di Varese. Bossi gli avrebbe risposto che sicuramente ci sarebbero state anche le telecamere della Rai per far credere che la Lega faceva amicizia con il governo. Per Bossi invece "il nemico rimane il nemico", noi non siamo mica come Berlusconi ha aggiunto. Arrivando a definire Mario Monti "la disgrazia di Varese". Intanto sul cartello che indica viale Padania, come spiegazione, è stata messa questa frase: "antico nome geografico". Nel corso del suo intervento è comunque sembrato che Umberto Bossi abbia voluto calmare le acque: la cosa più importante ha infatti detto non è la guerra tra tricoloristi e Padania, bisogna invece stare su risultati concreti. 



  PAG. SUCC. >