BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ Franchi: la crisi della Lega allunga la vita a Monti

Umberto Bossi con Rosi Mauro (Infophoto)Umberto Bossi con Rosi Mauro (Infophoto)

Sembra proprio di sì. Nonostante le difficoltà crescenti che potrà incontrare il governo tecnico, con lo spread che torna a salire e con il cambio di rotta di chi ci ha costretto a misure recessive e oggi ci rimprovera la recessione, Monti (o un simil Monti) rischia davvero di essere insostituibile. 
E lo dice una persona che all’idea che i tecnici restino al potere per sempre, sostenuti da alleanze politiche brontolanti non è molto entusiasta. Se si va oltre la parentesi, infatti, si entra in una prospettiva post-democratica, anche se un certo conformismo non lo sottolinea abbastanza. Pensiamoci un secondo, nessuno dice nulla, ma cosa sarebbe successo se ad esempio un governo politico si fosse dimenticato dell'esistenza degli esodati? 

Tocca comunque ai partiti uno scatto di dignità per evitare questa prospettiva? 

Certo, ma basterebbe un minimo di istinto di sopravvivenza per capire che prima ancora della riforma elettorale, che probabilmente non faranno mai, serve una messa a regime costituzionale della legge sui partiti. Siamo al massimo del discredito popolare e davanti alla crisi di ogni tipo di partito, patrimoniale, personale o leaderistico. Spero che facciano qualcosa, anzi glielo auguro…

(Carlo Melato)

© Riproduzione Riservata.