BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Fioroni (Pd): vi spiego perché io e Bersani siamo contro i matrimoni gay

Pubblicazione:martedì 15 maggio 2012 - Ultimo aggiornamento:martedì 15 maggio 2012, 10.34

Infophoto Infophoto

I giovani devono avere la certezza che fare dei figli o avere una casa non è un lusso, ma un diritto; una coppia anziana deve avere la certezza di poter pagare le bollette e le medicine; una famiglia monoreddito deve poter arrivare a fine mese o mandare i figli all’università.

Ci dica la sua posizione sui matrimoni gay

Come è noto, personalmente, sono contrario ad ogni forma di matrimonio gay, come alle adozioni gay; ma disponibile al riconoscimento ai loro diritti, sancibili da modifiche al Codice di Diritto civile. Quando ad esempio, in una coppia di fatto, uno dei due si trova in ospedale, l’altro deve poter godere del diritto ad essere avvertito dall’istituzione sanitaria.

Bersani sembra spingersi oltre

Sono convinto del fatto che sia sulle mie stesse posizioni.

Eppure non si direbbe…

Credo di conoscere bene le sue posizioni. Tant’è vero che alcuni, nel Pd, tra cui il senatore Marino, gli hanno rinfacciato di non aver avuto il coraggio di dirsi favorevole ai matrimoni omosessuali.

E lui è sfavorevole?

Posso assicurarle che Bersani non ha parlato, in quell’intervista, di matrimoni gay per il semplice fatto che non li condivide. Così come non ha parlato di adozioni da parte dei gay. D’altro canto, in politica, ancora più che altrove, credo che ciò che più conti sia il fattore umano. In tal senso, la storia personale del segretario parla chiaro.

Una recente sentenza della Cassazione invitava il legislatore a trovare forme giuridiche per conferire alle unioni gay la stessa dignità del matrimonio. Alla luce di ciò, non crede che porre la questione dei diritti delle coppie omosessuali da parte di chi aspira alla presidenza del Consiglio non possa avere altro esito che l’equiparazione?

Io e Bersani rispettiamo la Cassazione. Ma, secondo il giusto ordine gerarchico, ancora di più  la Costituzione del nostro Paese.

Non teme, quindi, un operazione alla Obama?

In realtà, mi auguro che il mio partito non faccia mai la stessa operazione del centrodestra. Che per 20 anni ha sbandierato valori senza aver mai lasciato nel Paese traccia di serie politiche familiari. 

Se il Pd andasse al governo e varasse una forma di equiparazione, lei cosa farebbe?

Il mio partito è già stato al governo. Tutto quello che sarebbe dovuto accadere secondo la pubblicistica in materia è stato smentito dai fatti. 

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
15/05/2012 - La propaganda elettorale di Fioroni (Giuseppe Crippa)

Tutti sanno che le posizioni di Fioroni e di Bersani sui temi etici ed in particolare sul “matrimonio” di persone omosessuali non sono sufficientemente condivise nel PD e certamente minoritarie nell’alleanza di sinistra che si esprime alle primarie. Queste acrobazie dialettiche di Fioroni non mi convincono affatto: sono elettore in un comune che vedrà al ballottaggio il candidato PD, un ex PCI che reputo persona onesta e buon amministratore ed il candidato PdL, scelto dall’alto come al solito e senza nessuna esperienza amministrativa. Ovviamente non li ho votati al primo turno ma adesso “devo” scegliere: grazie onorevole per l’ “assist” !