BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

LISTE CIVICHE/ Sallusti (Il Giornale): da Sgarbi agli animalisti, avanti con le liste (e Berlusconi)

Foto InfophotoFoto Infophoto

La posizione di Schifani e Alfano invece sembra essere quella di rafforzare il partito.

 

Bene fanno Schifani e Alfano a difendere l'integrità e la centralità del Pdl, ci mancherebbe altro. Sarebbe bizzarro l'inverso. Comunque anche all'interno di un progetto del genere, che è tutto da vedere se prenderà forma, la centralità del Pdl è fondamentale. Con tutto l'affetto e il rispetto per l'amico Sgarbi quel progetto lì può avere un senso se affianca il Pdl, non se lo sostituisce, quindi ben fanno a difendere la centralità del Pdl né mi risulta che Berlusconi l'abbia messa in dubbio.

 

Lei dunque non ha il sentore di contrasti tra Berlusconi e Alfano?

 

Non mi risultano contrasti fra di loro. Se Berlusconi vuole fare l'allenatore di un vasto schieramento il suo giocatore di punta è sicuramente Alfano in quanto segretario. Può esserci che ci saranno altri giocatori che il presidente in quanto allenatore dovrà collocare in campo. Da quello che ho capito io è sbagliato vedere quanto succede come una guerra interna. In realtà è un tentativo di allargare l'area.

 

Contrasti interni però se ne vedono.

 

E' evidente che esistono paure di vario tipo o anche questioni di orgoglio che possono creare tensioni, ma il progetto politico non è distruggere quello che è rimasto del Pdl, ma anzi di consolidarlo.

 

Cosa ne pensa di quanti dicono che potrebbero tornare Alleanza nazionale e Forza Italia?

 

Se tornasse An e Fi, saremmo allo spacchettamento del Pdl. Sarebbe un passo epocale, ma non credo che questo accadrà perché non è convenienza per nessuno. Dividersi in un momento di debolezza lo troverei un passo suicida. E non credo nemmeno che An possa essere una lista civica. Si tratterebbe di una scssione, ma non ne vedo i presupposti né l'utilità. 

© Riproduzione Riservata.