BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Sansonetti: scordiamoci la democrazia

Pubblicazione:

La cancelliera Angela Merkel con il premier Mario Monti (InfoPhoto)  La cancelliera Angela Merkel con il premier Mario Monti (InfoPhoto)

La riforma delle pensioni ce l’ha chiesta l’Europa, la riforma del lavoro ce l’hanno imposta i mercati, le nuove tasse servivano per mettere il bilancio in sicurezza e tranquillizzare lo spread, mentre austerità e sacrifici sono una richiesta della Merkel. Prese tutte assieme, sono state queste le cause per cui il governo Berlusconi è andato a casa e al suo posto si è insediata l’attuale compagine tecnica. Nel frattempo, la disoccupazione viaggia a livelli record, il calo della produzione industriale pure, lo spread è attorno ai 460 punti base mentre ci accingiamo a sborsare, di tasca nostra, 17 miliardi per salvare le banche spagnole. D’altronde, si tratta della nostra quota di partecipazione all’Efsf. Prevista dagli ordinamenti comunitari. Mica vorremo sottrarci ai nostri doveri? Qualcosa non ci torna. Ne abbiamo parlato con Piero Sansonetti.

Non è che abbiamo ceduto quote di sovranità eccessive?

Abbiamo ceduto la parte essenziale, ma essere un Paese a sovranità limitata non è il principale dei problemi.

Qual è, allora?

Non mi preoccuperei più di tanto se tale cessione da parte degli Stati fosse avvenuta in favore di uno Stato sovranazionale. Il problema è che si è verificata una cessione di sovranità da parte di una democrazia, la nostra, ad una tecnocrazia. Con il conseguente scioglimento della democrazia. Per la prima volta è stato compiuto non tanto un colpo di Stato quanto, potremmo dire, un “colpo di Continente”. E’ stato bypassato il potere politico, mediante un’assunzione diretta del potere da parte dei tecnocrati.

Burocrati, funzionari europei, banchieri, fondi d’investimento, multinazionali: secondo lei chi compone questa tecnocrazia?

Questo genere di ricerca ci è sempre parso poco interessante: la classe dirigente è stata pur sempre espressione dell’ordinamento democratico. Quella nuova, quindi, finora non l’ha studiata nessuno. La risposta, per il momento, quindi, può essere data solamente in termini generici. Direi che l’attuale tecnocrazia è il punto d’espressione dei poteri economici che, per usare termini antichi, possono esser fatti corrispondere alla borghesia europea.

In ogni caso, crede che la tecnostruttura rappresenti un’emanazione del potere economico o si tratta di due poteri che governano assieme?


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
15/06/2012 - Meno male qualcuno ce lo ricorda (claudia mazzola)

Grazie a Piero Sansonetti per la chiarezza.

 
15/06/2012 - Previsione azzeccata (Luigi Fiore)

Caro Sansoneti, ahimè..condivido..Credo che lei abbia ragione e che la sua previsione si avvererà. Con affetto. Luigi Fiore