BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PARMA/ La giunta Pizzarotti perde pezzi: si dimette l'assessore all'Urbanistica

Non c’è pace per il neosindaco di Parma Federico Pizzarotti che dopo un mese dalla vittoria elettorale non è ancora riuscito a tappare tutti i buchi presenti nella sua giunta.

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Non c’è pace per il neosindaco di Parma Federico Pizzarotti che dopo un mese dalla vittoria elettorale non è ancora riuscito a tappare tutti i buchi presenti nella sua giunta. Il grillino non solo procede lentamente ma fa addirittura dei passi indietro: la causa è l’architetto Roberto Bruni, 53 anni, nominato recentemente da Pizzarotti assessore all’Urbanistica del comune di Parma, che dopo appena 24 ore ha dovuto presentare le dimissioni. Il motivo? Il fallimento risalente al 2006 della sua azienda edile e una procedura chiusa definitivamente dal Tribunale di Parma meno di un anno fa. Bruni lascia quindi l’incarico "per garantire la serena prosecuzione dell'attività" dell'amministrazione, mentre Pizzarotti vede aumentare le caselle vuote della sua giunta. A far scoppiare tutta la vicenda sono state delle segnalazioni da parte dei lettori di alcuni giornali locali che, dopo aver appreso della nomina di Bruni come assessore all’Urbanistica, hanno espresso una generale perplessità riguardo la scelta del grillino:  “Ma il sindaco ha letto bene il curriculum del nuovo assessore Bruni? – recita una mail inviata - E lui ha fatto presente che ha alle spalle il fallimento della sua "Thauma Sas" a causa del quale tante famiglie ancora oggi piangono per aver perduto quanto investito con immensi sacrifici?”. Una bufera di polemiche ha quindi investito l’incompleta giunta comunale, portando alle dimissioni di Bruni e al successivo annuncio da parte del Comune attraverso una nota: “L'architetto Bruni rinuncia alla nomina di assessore. A fronte delle polemiche sollevate circa la sua figura, ha deciso, di comune accordo con il sindaco, di rinunciare alla nomina di assessore all'Urbanistica, per garantire la serena prosecuzione dell'attività politico amministrativa dell'amministrazione comunale”. E pensare che la presentazione ufficiale alla stampa del neo assessore doveva avvenire proprio questa mattina. Inizialmente Bruni aveva fatto sapere che il sindaco Pizzarotti era a conoscenza di quanto accaduto nel 2006, eppure (come riporta il Corriere della Sera) dallo staff del primo cittadino riferiscono che il dimissionario neo assessore avrebbe accennato riguardo “passate difficoltà finanziarie”, ma sempre in modo generico.