BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FORMIGONI INDAGATO (?)/ Ostellino: in Italia i processi si fanno sui giornali, è un regime

Pubblicazione:

Roberto Formigoni, presidente della Regione Lombardia (Foto: Infophoto)  Roberto Formigoni, presidente della Regione Lombardia (Foto: Infophoto)

Io non voto da anni, da oltre venti anni. Non mi interessa nulla di Silvio Berlusconi, al punto che non lo ho mai votato. Non sono affatto contro il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Ma vorrei che qualcuno mi spiegasse perché oggi ci si indigna perché ci sono queste intercettazioni, mentre nessuno sollevava obiezioni, anzi c'era quasi entusiasmo, quando si intercettava il presidente del Consiglio Berlusconi. Vorrei solo una spiegazione di questo differente atteggiamento. 

C'è chi vuole ricostruire la storia dei rapporti tra Stato e mafia. 

Bene. C'è un magistrato che apre un'inchiesta, un'indagine sui rapporti tra Stato e mafia dove non c'è reato, per conoscere la storia di queste relazioni pericolose. Ma in genere, chi ricostruisce la storia? Gli storici. No, in questo Paese è un compito che si arrogano i magistrati.

Ritornando al caso di Roberto Formigoni?

Se ci sono elementi si apra un'indagine. Ma che cosa c'entrano i giornali in tutta questa storia? 

Alla luce di quello che sta dicendo, come vede il futuro di questo Paese? 

Sta letteralmente crollando e alla fine crollerà. Oltre ai fatti di cui abbiamo parlato, siamo il paese dove si pagano le tasse più alte del mondo, dove le imprese falliranno a catena. Come finiremo? Come gli assiro-babilonesi, una civiltà che lentamente scompare. E ci sarebbe ancora il modo di salvarlo. Basta ragionare con il popolo, come fa la gente comune, che è carica di buon senso. In fondo, in Italia è sempre stato così. Chi ha salvato nel 1948 l'Italia dal rischio di diventare una sorta di “Germania dell'Est”? Il popolo normale, le “beghine” che uscivano dalla chiesa e andavano a votare. Fosse stato per gli intellettuali, per la cosiddetta classe dirigente, avremmo passato i peggiori anni della nostra vita.

 

(Gianluigi Da Rold)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.