BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

LEGA/ Moncalvo (ex Padania): il congresso federale sarà la fine del Carroccio

Manuela Dal Lago, Roberto Maroni e Roberto CalderoliManuela Dal Lago, Roberto Maroni e Roberto Calderoli

Non è immaginabile, però ci sono alcuni segnali molto concreti e visibili che fanno capire che Maroni vuole sbarazzarsi di Bossi ma non ne ha la forza. Il futuro segretario ha proposto di cancellare Pontida, perché la Lega di Maroni non vuole più queste coreografie di camicie verdi, gente con i forconi, l’elmo e le corna. Pontida si terrà quindi in settembre, in una data tale da rendere inutile quello che succedeva gli anni scorsi e cioè la manifestazione di Venezia e l’ampolla del Po. E’ un chiaro segno del fatto che vogliono disfarsi anche di questi simboli.

 

Secondo alcuni quella di Maroni sarà una Lega catalana, non più fedele a Berlusconi ma in grado di tessere delle alleanze variabili …

 

Se fanno dei paragoni con i catalani, da Barcellona partirà qualche denuncia per appropriazione indebita e usurpazione di titolo. Quelli catalani sono partiti federalisti seri, con una loro lingua, una loro politica, un loro Parlamento, e soprattutto con delle battaglie vere e coerenti, e non per delle poltrone di sottogoverno o degli incarichi nell’ufficio stampa della Regione Lombardia.

 

Che cosa intende dire?

 

Sarebbe bello fare un’inchiesta per vedere quanti leghisti sono finiti nell’ufficio stampa della Regione, soprattutto in questi passaggi di presidenti da Boni a Gibelli. Per quanto riguarda il partito catalano, credo che non si debba assolutamente confondere il barolo, cioè il partito catalano, e l’aceto, cioè la Lega di oggi.

 

Qual è il bilancio della Lega nord 20 anni dopo?

 

Nullo. Se guardiamo a ciò che ha portato a casa per le sue genti, per il popolo del Nord, per le partite Iva, vediamo che non ne è venuto nulla. Tutto ciò che ha prodotto è stato l’aumento delle tasse. Oggi Roma è ancora più padrona di prima e ci sono ancora più scandali con al centro dei leghisti. In definitiva, è un fallimento politico di dimensioni colossali.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.