BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CDA RAI/ Tarantola, nuovi guai dietro l'angolo

Annamaria Tarantola (Foto: Infophoto) Annamaria Tarantola (Foto: Infophoto)

In questa situazione ogni scenario è possibile, e qualcuno nell’area moderata paventa la possibilità che non vi sia un voto contrario, ma un’assenza strategica per non far arrivare i sì alla fatidica soglia dei due terzi. Questo mentre si avvia una trattativa lontana dai riflettori: nei giorni scorsi si era ipotizzato di un contatto Monti-Berlusconi, che potrebbe essere risolutivo e che aveva suscitato le ire di dipietristi e democratici. Di fatto però è plausibile pensare a una trattativa nelle prossime 48 ore

Ma quand’anche il secondo scoglio fosse evitato, la nocchiera Tarantola non potrà distrarsi e dovrà tenere ben stretto il timone fra le mani. 

Dovrà infatti guardarsi dall’ultima insidiosissima secca, la nomina del direttore generale, che Mario Monti ha già individuato in Luigi Gubitosi. “L’uomo delle forbici” ex Wind dovrà avere dalla sua tanto il Cda quanto la politica., ma non sarà affatto facile. Monti, indicandolo contestualmente alla Tarantola, ha forzato la procedura, che vorrebbe la designazione del Dg successiva all’insediamento del consiglio d’amministrazione. Segno che il governo non deflette dalla volontà di risanare l’azienda, e che la strada è tracciata. Ma la vischiosità da sabbie mobili del sistema di Viale Mazzini potrebbe rivelarsi troppo difficile da superare persino per i supertecnici spediti da Monti al settimo piano del palazzo del Cavallo.

© Riproduzione Riservata.