BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BERLUSCONI/ Sgarbi: vi spiego i veri motivi del ritorno di Silvio

Infophoto Infophoto

Non lo escludo. Con la differenza e aggravante che l’hanno cacciato i suoi.

In ogni caso, che scenari si prefigurano?

Se resterà in vigore l’attuale sistema elettorale, dovrà scegliere tra tre ipotesi: si candida con il Pdl o ex Pdl; non si candida con nessuno, ma vale per tutti come candidato premier; si candida, come lui stesso ha detto di essere intenzionato a fare, con me, perché la lista della Rivoluzione gli piace più di tutte le altre.

L’idea di dar vita ad una serie di liste è rimasta in piedi?

Per forza. Del resto, solo se costituito da una serie di componenti aggiuntive, quali la mia, Forza Italia, quella di Storace e via dicendo, il centrodestra può sperare di ottenere risultati soddisfacenti. Di fronte all’emorragia del Pdl sono necessari tre o quattro contenitori con persone come me che, pur essendo di area, non sono camerieri di Berlusconi.

E se cambia la legge elettorale?

L’altra ipotesi, sempre sgarbiana, è quella di una riforma elettorale, di tipo proporzionale, alla tedesca. Mettiamo che il partito di Berlusconi prenda il 20%, quello di Bersani il 26%. A quel punto, il presidente della Repubblica gli chiederà di fare un governo. Bersani non ci riuscirà, perché le liti e contrapposizioni tra Vendola, Di Pietro e Casini sono tali da impedirglielo. Nel frattempo, il capo dello Stato, che sarà Monti, chiederà a Pdl, Pd e Udc di cercare un candidato comune all’insegna della grande intesa.

Chi sarebbe?

Di certo, non Rosi Bindi. E neppure D’Alema o Veltroni. L’unico che potrebbe essere indicato dalla sinistra ma andare bene al centrodestra, potrebbe essere Matteo Renzi.  Con il sistema proporzionale, anche la sconfitta consentirebbe di rimanere in gioco. In ogni caso, l’idea è quella di perpetrare questo modello, ove Berlusconi c’è e non c’è; ma fa pur sempre parte della maggioranza. 

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
13/07/2012 - Berlusconi faccia come Kohl (Giuseppe Crippa)

Ieri alla Zanzara su Radio 24, Rocco Buttiglione ha detto (nel contesto ironico tipico della trasmissione): “Berlusconi ha raggiunto l'età della pensione secondo tutti i criteri, ha superato anche l'età pensionabile. Anche Kohl in Germania si e' ritirato. Lo faccia anche Berlusconi. Se lo merita”. “Ai giardinetti?” Hanno chiesto i conduttori. Questa la risposta: “Credo che lui preveda altri divertimenti”. Concordo, e non soltanto con la risposta finale.