BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Il dopo-Monti, tra autocandidature e bluff

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Silvio Berlusconi è “ridisceso in campo” e questo ha aperto un ventaglio di problemi ancora più ampio sul dopo-Monti. Che cosa abbia in mente il Cavaliere non è ben chiaro, perché appare abbastanza problematico pensare che, alla “verde” età di 77 anni, cioè tra un anno, possa riprendere la leadership dell'area dei moderati italiani nelle prossime consultazioni elettorali del 2013. E poi, in una simile situazione di “stato di emergenza” economica e politica, chi può immaginare quello che può succedere nei prossimi mesi sino alle elezioni italiane? Ma l'uscita di Berlusconi potrebbe rappresentare, alla fine, solo la punta di un iceberg di quello che sta accadendo nel panorama politico italiano. Il Cavaliere ha forse messo tutti di fronte a un possibile “grande disturbo”, nella prospettiva di una sua trattativa globale, non solo di carattere politico.

Nei giorni scorsi, all'interno del Palazzo, e rimbalzando da un palazzo all'altro, correva un'altra voce, quella della nomina di un senatore a vita, in sostituzione di Sergio Pininfarina. Le voci, i rumors e i boatos, si sa, hanno sempre un peso relativo, ma questa “soffiata” aveva una certa logica e un certo appeal. Sostanzialmente, si diceva e si riportava che in Senato sarebbe entrato un altro protagonista, un “nuovo tecnico” che vuole scendere da tempo nell'agone politico, niente meno che Luca Cordero di Montezemolo.

Con quella “voce dal sen fuggita”, si dava peso a ciò che lo stesso Montezemolo aveva ventilato con alcuni interventi nei mesi scorsi. Il presidente della Ferrari aveva dato indicazioni per un appuntamento, per una grande manifestazione il 14 luglio, anniversario della “presa della Bastiglia”, dove con “Italia futura” avrebbe avuto probabilmente l'intenzione di rappresentare un momento di grande discontinuità rispetto all'attuale corso della politica italiana.

L'appuntamento sembra che ormai sia saltato, così come è saltata anche l'ipotesi di una sostituzione, al posto di Berlusconi, di un leader dell'area moderata diverso, meno ingombrante e più in linea con l'europeismo del “tecnicismo” dell'attuale governo. Luca Cordero di Montezemolo appunto.

Forse con un po' troppo schematismo, si faceva notare che anche Mario Monti, poco prima della caduta del “governo Berlusconi”, era stato cooptato tra i senatori a vita, per garantire una caratura politica a un uomo che con la politica aveva avuto solo contatti di competenza tecnica in materia economica e finanziaria. Quindi, secondo uno schema semplicistico (due più due fa quattro), si era indotti a pensare che, nell'eventualità di un dopo-Monti, sarebbe stato pronto un altro senatore a vita che veniva dal mondo della società civile “che conta”. Non un professore universitario, ma l'ultimo rampollo di una dinastia imprenditoriale che ha dato tanto ma che ha anche avuto altrettanto dal Paese.



  PAG. SUCC. >