BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BERLUSCONI/ Il ticket rosa? Un’operazione di marketing...

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Berlusconi con un vice donna? Pare improbabile, ma lo pareva pure la sua ennesima ridiscesa in campo; a questo punto, quindi, tutto è possibile. Daniela Santanchè ha definito, dalla pagine di Repubblica, i connotati che dovrà assumere la candidata in ticket col Cavaliere: anzitutto, ci ha tenuto a precisare - onde respingere ogni illazione circa le sue ambizioni -, non sarà lei. Inoltre, dovrà essere mamma, lavoratrice e, soprattutto, non avere nulla a che fare con la politica. Con Fabrizio D’Esposito abbiamo provato a fare l’identikit di questa nuova figura. E cercato di capire le reali motivazioni della nuova fase berlusconiana.

Perché ha deciso nuovamente di candidarsi?

Per ragioni nude e crude: quanto uscito sui giornali corrisponde al vero. Si è reso conto che il Pdl, se il candidato premier fosse stato Alfano, si sarebbe attestato su cifre ridicole, vicine al 10%. Ha studiato quindi, in questi mesi, che strategia adottare per far sopravvivere il partito. Registriamo, oltre al fallimento della gestione Alfano, quello dell’ipotesi di un nuovo partito alla testa del quale si sarebbe dovuto porre, così come a quello delle varie liste in cui si sarebbe dovuto spacchettare il Pdl.

Si tratta di una mera constatazione delle realtà, o ci sono anche ragioni personali?

Ovviamente, Berlusconi ha bisogno, nel prossimo Parlamento, di una pattuglia di 100-120 deputati che fungano da guardia pretoriana ai suoi interessi. Come, del resto, è sempre è accaduto. Ricordiamo che il Parlamento votò, oltre alle svariate leggi ad personam, la menzogna colossale secondo cui il premier avrebbe avuto seri motivi di credere che Ruby fosse la nipote di Mubarak.

In ogni caso, è verosimile un ticket con una donna?

Non lo escluderei. Dopo tutte le vicende legate al bunga bunga, sta tentando di ripulirsi l’immagine. E la notizia secondo cui avrebbe imposto a Nicole Minetti di dimettersi dal Consiglio regionale lombardo va proprio in questa direzione.

Non c’è il rischio, proprio alla luce delle recenti vicende, di nuove illazioni e malignità, a prescindere dalla donna sulla quale dovesse ricadere la scelta?



  PAG. SUCC. >