BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

REFERENDUM ANTI-CASTA/ Morrone: la raccolta firme sul taglio degli stipendi ai parlamentari? Non è uno scherzo...

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Un referendum su questa materia e con questa valenza politica e morale ovviamente trascina consensi, prendendo un significato ancora più forte di quello che ho promosso in passato e che ha raccolto tutte quelle firme. Se adeguatamente pubblicizzata, un’iniziativa del genere può rivelarsi un successo sia nella raccolta delle firme che al momento della votazione.

Il referendum da lei promosso proponeva di cancellare il Porcellum ma avveniva prima dell’arrivo del governo tecnico. Con il nuovo esecutivo sarà possibile cambiare la legge elettorale?

Il governo, fin dalle prime dichiarazioni programmatiche, ha scelto di non impegnarsi in una riforma dell’attuale legge elettorale, cosa che invece ritengo ancora assolutamente necessaria. Lo stesso presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, si è impegnato direttamente attraverso un messaggio alle Camere affinché il Porcellum possa essere cambiato.

Da cosa dipende quindi?

Dipende dai precari equilibri politici che caratterizzano i vari schieramenti che sostengono e che osteggiano il governo Monti. Trovo però difficile che un Parlamento, con le difficoltà politiche che attualmente esistono, possa arrivare a cambiare la legge elettorale.

Cosa pensa delle posizioni dei maggiori schieramenti?