BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PD-UDC/ Caldarola: vi “svelo” il programma di Bersani e Casini

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

I corsi e i ricorsi della storia assumono, non di rado, pieghe bizzarre. Ciò che fino a pochi anni fa sarebbe parso del tutto impossibile, se non in circostanze improbabili, diventa realtà. Vedremo, infatti, schierata in campo alle prossime elezioni una coalizione composta da ciò che resta dei comunisti e da ciò che resta dei democristiani. Salvo, ovviamente, eccezionali imprevisti. Che in passato ci fossero stati sostegni esterni, collaborazione di vario genere o trattative è risaputo. Ma correre assieme per le politiche è tutta un’altra cosa. Sembra che neppure le posizioni antitetiche sui matrimoni gay, oramai, siano in grado di incrinare il sodalizio che si è creato tra Bersani e Casini. La pensa così Peppino Caldarola, secondo il quale l’asse Pd-Ucd sta andando sempre più consolidandosi.

Non crede che per trovare un accordo sulle nozze omosessuali Pd e Udc dovrebbero rinunciare ad una parte troppo importante delle proprie identità?

Non penso che l’alleanza salterà su questo tema. Le unioni civili, nel dibattito parlamentare, non rientreranno nell’obbligatorietà di partito, ma saranno affidate alla libera scelta. Non saranno, quindi, oggetto di trattativa.

Su quali punti, invece, sarà possibile identificare un programma comune?

Il tema di fondo sarà l’Europa. Andiamo, del resto, incontro ad una stagione in cui gli euroscettici  potrebbero moltiplicarsi;  a maggior ragione, quindi, l’europeismo, potrebbe rappresentare la materia su cui fare fronte comune. Credo che un secondo punto di raccordo potrebbe essere rappresentato dal rilancio della crescita. Infine, entrambi potrebbero fare della difesa della famiglia, particolarmente penalizzata dalla crisi, la propria bandiera.  

Una volta individuati gli obiettivi, crede anche che saranno in grado di accordarsi sugli strumenti per realizzarli?

All’indomani delle elezioni ci troveremo nella stessa identica situazione in cui siamo adesso. Credo, quindi, che ciascun partito non potrà fare altro che un piccolo passo indietro per dar vita ad una sorta di patto di sopravvivenza dell’Italia.  Un patto che, tuttavia, le parti potranno tranquillamente considerare transitorio, necessario al solo scopo di uscire dall’emergenza.

Il rinsaldarsi dell’asse Bersani-Casini potrebbe estromettere definitivamente l’Idv e Sel dall’alleanza?


  PAG. SUCC. >