BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPENDING REVIEW/ I sindaci in piazza contro i tagli lineari. Con loro anche gli avvocati

Pubblicazione:

I sindaci in piazza (Infophoto)  I sindaci in piazza (Infophoto)

SPENDING REVIEW, LA PROTESTA DEI SINDACI A ROMA Primi cittadini e professionisti del foro alleati contro la spending review. Si è tenuta oggi a Roma, in Piazza Sant’Andrea davanti al Senato, la manifestazione dei sindaci contro i tagli lineari previsti dal dl 95/2012, meglio noto come decreto sulla spending review, che coinvolgeranno anche le autonomie locali. La revisione della spesa pubblica, ora all’esame del Senato, non piace nemmeno ad avvocati e liberi professionisti dei comuni dove è prevista la soppressione dei tribunali come, per esempio, a Bassano del Grappa.

Secca la protesta del sindaco Venezia, Giorgio Orsoni, che ha detto: “Lo Stato pensa che noi siamo dei suoi uffici, ma non è così. Questa fascia tricolore vuole dire che rappresentiamo i veri bisogni delle popolazioni. Siamo qui non per fare una protesta cieca ma per collaborare per il bene della Repubblica”. Il sindaco di Verona Flavio Tosi invece ha ricordato che “siamo qui perchè è giusto far capire ai cittadini che non sono i sindaci ad aumentare le tasse, ma lo Stato a non tagliare le spese dei livelli centrali di governo, scaricando tutto sulla periferia”.

Ancora più chiara la posizione di Attilio Fontana, sindaco di Varese e presidente di Anci Lombardia: “Questa non è una spending review, ma l’enensima manovra mascherata e non la possiamo accettare. Sono orgoglioso di essere un sindaco soprattutto in situazioni come queste, quando vedo tanti primi cittadini radunati al di là delle loro ideologie politiche. Questo Governo dovrebbe iniziare ad ascoltarci, sono anni che contestiamo questa situazione, sono mesi che diciamo che era sbagliata l’ottica della dismissione delle società partecipate, e la Corte costituzionale ci ha dato ragione”. E ha continuato: “Consentano a noi di individuare i virtuosi, diciamo no ai tagli lineari. Questo è un governo che ha fallito su tutta la linea, date retta ai sindaci, dateci la possibilità di sbloccare i residui che abbiamo e vedrete che l’economia del paese si rimetterà in moto”. E Fontana lancia un avvertimento: “Da settembre dovrà partire una lotta durissima contro il patto di stabilità, altrimenti tutti i sindaci saranno pronti a sforarlo, perché dobbiamo far vivere le nostre città e i nostri cittadini in modo dignitoso. Restiamo uniti”, ha concluso, “e vedrete che riusciremo a risollevare il Paese”.


  PAG. SUCC. >