BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NAPOLITANO/ Elezioni anticipate? Decide il Capo dello Stato

Pubblicazione:lunedì 30 luglio 2012

Giorgio Napolitano (Infophoto) Giorgio Napolitano (Infophoto)

La valutazione sull'eventuale scioglimento delle camere e sulle conseguenti elezioni anticipate spetta soltanto al Capo dello Stato. È quanto ha voluto ribadire il Quirinale questa sera con una nota, nella quale tra l'altro le forze politiche vengono nuovamente sollecitate a lavorare più seriamente per trovare un accordo sulla riforma della legge elettorale. "In quanto a ipotesi che appaiono sulla stampa di possibile anticipazione delle elezioni politiche normalmente previste per il prossimo aprile - ha dichiarato infatto il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano -, ritengo di dover sollecitare la massima cautela e responsabilità in rapporto all'esercizio di un potere costituzionale di consultazione e decisione che appartiene solo al Presidente della Repubblica".
Una chiusura esplicita per un messaggio tutto incentrato sulle riforme. A distanza di oltre 20 giorni dal precedente appello (la lettera del 9 luglio ndr), dal Colle si fa notare che nessun risultato si è visto. I partiti infatti continuano a discettare di formule e schemi elettorali, senza costrutto e senza una reale decisione. Tenendo conto che questo era uno degli obiettivi minimi che l'opinione pubblica e i media chiedevano alla classe politica, in una fase di sospensione delle contese e di governo "tecnico". 
«Debbo dunque rinnovare - ha proseguito Giorgio Napolitano - il mio forte appello a un responsabile sforzo di rapida conclusiva convergenza in sede parlamentare. Ciò corrisponderebbe con tutta evidenza al rafforzamento della credibilità del paese sul piano internazionale in una fase di persistenti gravi difficoltà e prove».Parole chiare al termine di una giornata che ha visto esponenti autorevoli del Partito Democratico come Anna Finocchiaro e Rosy Bindi litigare a distanza con alcuni dirigenti del Popolo della Libertà come Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri proprio sul tema tanto caro al Capo dello Stato ("Il Pdl si fermi o siamo pronti al voto", aveva dichiarato la Bindy; "Con gli ultimatum di Bersani e Bindi non si va  da nessuna parte" le aveva replicato Cicchitto).
Una giornata politica resa ancora più incandescente dal nuovo durissimo attacco di Antonio Di Pietro contro lo stesso Napolitano.


  PAG. SUCC. >