BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEETING 2012/ Scholz (CdO): non è l'ora di un nuovo partito cattolico

Pubblicazione:sabato 18 agosto 2012

Bernhard Scholz (Infophoto) Bernhard Scholz (Infophoto)

Nessuno di noi ha mai messo in dubbio il buon governo di Regione Lombardia. E Formigoni parlerà al meeting proprio di questo tema. Per quanto riguarda l’avviso di garanzia, chiediamo alla magistratura di far luce il prima possibile per evitare strumentalizzazioni e insinuazioni. Non vogliamo giustificare niente. ma neanche che si lasci spazio ad accuse infondate.

 

Proprio a Rimini, solo qualche anno fa, il faccendiere Daccò era solito offrire cene luculliane nelle serate del Meeting...

 

Questo, mi scusi, col nostro Meeting non c’entra proprio nulla.

 

Come si esce dalla crisi, Scholz? La ricetta «meno Stato più società» vale ancora?

 

Si. Lo stato assistenziale è in crisi. E le ricette keynesiane sono rischiose perché non fanno che aumentare il debito pubblico. Per questo la sfida è quella di passare ora alla welfare society e riscoprire l’economia sociale di mercato. La crisi finanziaria, d’altra parte, è nata dal tradimento del desiderio umano che pensava di trovare la felicità nel profitto a breve. Il profitto è sempre strumento mai fine.

 

Ma Cl non era liberista? L’anno scorso Marchionne fu accolto come una star.

 

Il liberismo non è mai stato nel nostro Dna. C’è invece l’idea forte di libertà su cui scommetteva tutto lo stesso Don Giussani. Ma sempre connessa alla responsabilità personale e sociale. Le regole servono. Servono per esempio a far emergere il merito.

 

Chi sarà il protagonista, la star appunto, del meeting 2012?

 

Ci saranno, oltre a diversi rappresentanti del governo italiano, il Presidente dell’Assemblea Generale dell’Onu, Nassir Abdulaziz Al-Nasser, il Presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, l’economista Jeffrey Sachs, il Vicepresidente del Meeting del Cairo, Wael Farouq, il teologo spagnolo Javier Prades, che farà l’introduzione al titolo. Comunque, me lo faccia dire, i protagonisti saranno i giovani, ancora una volta. Il loro futuro dev’essere al centro del nostro impegno.

 

(Andrea Senesi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.