BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ 1. Violante: c'è un disegno per abbattere Monti e Napolitano

Pubblicazione:

Luciano Violante (Infophoto)  Luciano Violante (Infophoto)

Credo che si debba essere realisti. Il tempo è poco e la priorità assoluta è la legge elettorale. Su questo però sono discretamente ottimista perché l’intesa su molti punti c’è. La maggior parte dei seggi verrà infatti assegnata ai collegi, il rimanente attraverso i listini. Sul premio di maggioranza troveremo un accordo anche se al momento il Pd vuole assegnarlo alla coalizione e il Pdl al partito, mentre per le candidature al collegio penso che la soluzione ideale siano le primarie. 

Oggi, al Meeting di Rimini, lei parteciperà all’incontro sul tema della pena e delle carceri. Anche questo argomento deve trovare posto in quella riforma complessiva della giustizia di cui parlava prima?

Io credo che da un lato si debba affrontare il “problema carceri”, ma, mi permetto di dire, non possiamo fermarci alla manutenzione dell’orrore. 

Cosa intende dire?

Non credo sia accettabile che l’idea di pena in Italia sia rimasta ferma a due secoli fa. Non lo dico per uno spirito vagamente compassionevole, ma perché, a seconda dei casi, si potrebbero colpire molti altri diritti prima della libertà di una persona. Oggi invece, una volta varcata la porta di un carcere è come se tutti i diritti cessassero e questo non è accettabile. Non possiamo infatti chiedere il rispetto delle regole a chi per primo non viene rispettato nei suoi diritti fondamentali.

Che strada occorrerebbe seguire secondo lei?

Da un lato, come dicevo, occorre una nuova elaborazione dell’idea di pena, dall’altro si possono apportare dei miglioramenti concreti partendo dalle esperienze positive che già ci sono. Il lavoro all’interno del carcere, ad esempio, è essenziale. È dimostrato infatti che chi lavora non ha recidiva, mentre chi è costretto a passare diversi anni nell’ozio torna più facilmente a delinquere. 
Certo, il sovraffollamento è un aspetto a cui rimediare al più presto, basta non credere però che questo risolva tutti i problemi.

(Carlo Melato) 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.