BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NAPOLITANO INTERCETTATO/ Violante: c'è una destra che vuole prendersi lo Stato

Pubblicazione:domenica 2 settembre 2012

Antonio Di Pietro, leader dell'IdV (InfoPhoto) Antonio Di Pietro, leader dell'IdV (InfoPhoto)

Io non ho mai parlato di complotto e non credo che esista un complotto. Esiste una intesa tra diverse forze politiche e diversi mezzi di comunicazione per colpire il capo dello Stato e il governo Monti travolgendo l'intero sistema democratico, senza preoccuparsi delle conseguenze. Di qui il mio giudizio sul cinismo di chi ha fatto questa scelta.

 

Non ci sono solo alcuni personaggi o alcuni ambienti. In settimana c'è stato questo intervento di  “Panorama” che ha portato nuovi veleni e grande stupore.

 

Siamo di fronte all'invenzione. Come commentare  quello che non esiste? Mi chiedo se non sia arrivato il momento che anche voi giornalisti  dobbiate domandarvi: ma a che cosa serve il mestiere che facciamo? Che cosa devono esattamente fare i giornalisti?

 

Si potrebbe dire che c'è un attacco che va da destra a sinistra contro il Presidente della Repubblica e il ruolo che sta svolgendo in questo momento?

 

Scusi, ma quale sinistra? Si può definire di sinistra Di Pietro oppure Travaglio, oppure Grillo? No. C'é un'autentica manovra di destra, di matrice populistica, che sta cercando di destabilizzare il Paese. Non ci riusciranno.


(Gianluigi Da Rold) 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
02/09/2012 - commento (francesco taddei)

Per Violante Ilda Boccassini e Antonio Ingroia sono di destra? E il populismo non è mai di sinistra? Si vada a rileggere Lenin.

 
02/09/2012 - I termini del discorso (Gianuizzi Caterina)

Buongiorno, che tristezza. Ma se invece di ragionare sempre in questi termini (destra cattiva, sinistra buona) guardassimo la realtà per quello che è, forse potremmo fare davvero qualcosa contro questo populismo. Perchè i fatti mostrano che il populismo è sia a destra che a sinistra, e perdere tempo così vuol dire solo tentare di cavalcarlo per i propri fini populistici. A me questa cosa fa ancora più amarezza del populismo.