BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATRIMONIO GAY/ Garavaglia (Pd): Vendola pensi ai problemi reali del Paese

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Vendola si vuole sposare. Con il suo compagno. E in chiesa. Altro che Pacs, Dico, e acronimi vari surrogati del matrimonio. Il leader di Sel ha detto chiaramente che, a 54 anni, e da cristiano praticante, avverte l’esigenza di unirsi secondo i crismi della propria religione. «Come persona e come cristiano voglio poter vivere una discussione vera e chiedere al mio Stato e alla mia Chiesa per quale motivo progetti d'amore non possono essere liberati da un tappo di Medio Evo che tante volte ha ferito la nostra vita», ha dichiarato. Dal canto suo, la presidente del Pd, Rosy Bindi, si è limitata a ricordargli che il matrimonio omosessuale non è previsto dalla Costituzione. La senatrice democratica, Mariapia Garavaglia, raggiunta da ilSussidiario.net, rincara la dose e spiega perché non è certo questo il momento per impantanarsi in discussioni tutt’altro che prioritarie. «Mi pare che i problemi degli italiani siano ben altri. La politica dovrebbe smetterla di affidarsi alle provocazioni. Casomai, dovrebbe essere giunto il tempo della serietà, della competenza, e delle indicazioni sul da farsi nell’immediato. La prossima legislatura, infatti, è imminente e occorre agire in fretta, onde non disperdere quanto di positivo è stato seminato da questo governo tecnico». In particolare, secondo la senatrice, la politica ha oggi come non mai un compito ben preciso: «quello di far capire agli italiani che essi stessi dispongono delle capacità e delle risorse per risollevare il Paese, senza dover attendere qualsivoglia risposta alle proprie esigenze dallo Stato, secondo ottiche meramente assistenzialiste». Secondo il Pd, l’attenzione va concentrata su tre elementi: «l’istruzione; perché il patrimonio di domani sono i giovani che si preparano oggi. Il lavoro; perché senza, non c’è lavoro, si frenano i consumi e non c’è ripresa. La coesione sociale; se un Paese non è unito, ogni azione dello Stato, dalle leggi ai finanziamenti, lascia il tempo che trova». Tornando a Vendola: se, da un lato, la senatrice sottoscrive quanto affermato dalla vicepresidente della Camera, dall’altro, si augura che quella del capo di Sel sia una semplice boutade.


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
05/09/2012 - Vendola e il matrimonio (Carla D'Agostino Ungaretti)

Non ho mai votato a sinistra e non capisco come possa farlo chi si proclama cattolico come Maria Pia Garavaglia. Ma stavolta devo darle ragione. Vendola vuole sposare in chiesa il suo compagno? Ma è matto? E si proclama cattolico? Ma i suoi "compagni" non si rendono conto delle assurdità che dice? Almeno Giovanni Testori, come ha rivelato sul sussidiario suo nipote, era un omosessuale travagliato e per questo sono sicura che Dio gli è stato vicino aiutandolo a sopportare la sua croce, ma i gay moderni hanno l'improntitudine di dichiarare che il matrimonio è un loro diritto. Ma quale diritto? Il matrimonio è un evento della vita che può capitare o no, essere felice o no, ma per sua natura deve essere solo eterosessuale. Chi impedisce a Vendola di vivere come gli pare, di mantenere economicamente il suo partner e di lasciarlo erede universale delle sue sostanze? Ma per carità, non caschiamo in una mostruosità giuridica che contraddirebbe millenni di cultura e di civiltà! Non si dica che i tempi sono cambiati e che anche le coppie omosessuali possono diventare genitori con la procreazione assistita. A forza di perseguire la realizzazione del proprio egoismo stiamo vivendo una vera eterogenesi dei fini. Ma soprattutto Vendola abbia il pudore di non proclamarsi cattolico!