BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

PRIMARIE PD/ Furio Colombo: l’"usato sicuro" potrebbe dare a Renzi una brutta sorpresa…

Matteo Renzi (InfoPhoto)Matteo Renzi (InfoPhoto)

Se le primarie sono fatte con cura, intelligenza e serietà, come non è avvenuto sempre in passato, in ogni caso rafforzano il partito. Se invece si insinuano elementi di farsa, di sconfessione o di negazione allora lo schieramento che le ha proposte ne uscirà indebolito, a prescindere da chi vincerà. In questo caso non credo che l’elemento di rafforzamento dipenda dal futuro vincitore delle primarie, ma dal modo serio e apprezzabile in cui è sperabile che si svolgano.

Renzi ha annunciato un riequilibrio interno, Bersani lo ha corretto spiegando che per quello esiste già il congresso. Chi ha ragione? 

Non c’è dubbio che la risposta di Bersani sia corretta. Non ha senso parlare di una rivoluzione interna al partito quando per farlo esistono specifici percorsi politici. Nessuno, vincendo le primarie, diventa il “satrapo” del partito. Esserne segretario significa tutta un’altra cosa.

Una domanda sulla legge elettorale: meglio il premio di maggioranza alla coalizione o al partito?

Credo che sarebbe meglio che fosse di coalizione e non di partito, anche se in questo caso la coalizione si deve prefigurare prima ancora dei futuri risultati e rapporti di forza. Il problema però è un altro: al di là degli esiti e di eventuali alleanze, la cosa più importante è che davvero si possa arrivare a una sensata legge elettorale il prima possibile, cosa ancora non avvenuta nonostante l’intervento anche del Capo dello Stato. Quando Enrico Letta disse “la legge elettorale è ormai cosa fatta”, immediatamente scrissi che quel messaggio sembrava essere più che altro politico che realmente di sostanza. Purtroppo era vero, e credo che se si andrà avanti in questo modo difficilmente si potrà raggiungere un accordo, che auspico capace di offrire ai cittadini la possibilità di scegliere coloro che desiderano avere in Parlamento.

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.