BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DDL ANTICORRUZIONE/ Monti: pronti per l'approvazione. Il Pdl: non accetteremo forzature

Pubblicazione:

Fabrizio Cicchitto (Foto: InfoPhoto)  Fabrizio Cicchitto (Foto: InfoPhoto)

Il presidente del Consiglio Mario Monti, intervenuto a Bari all’inaugurazione della Fiera del Levante, ha ribadito la volontà dell’esecutivo di arrivare all'approvazione del ddl anticorruzione, attualmente all'esame del Senato. Una lotta alla corruzione, ha assicurato il premier, per la quale "alcuni provvedimenti sono necessari e saranno conclusi". La determinazione del governo non è però piaciuta al Pdl che, attraverso le parole del capogruppo alla Camera Fabrizio Cicchitto, ha fatto sapere di non accettare forzature sul tema della giustizia. Secondo il Popolo della Libertà i tre temi su anti-corruzione, intercettazioni e responsabilità civile dei giudici devono procedere in parallelo, "con soluzioni condivise", altrimenti non sarà possibile raggiungere un accordo. Quanto al disegno di legge anti-corruzione, continua Cicchitto, “in primo luogo nessuno può darci lezioni perché lo abbiamo presentato ai tempi del governo Berlusconi". In secondo luogo, a detta di Cicchitto, le proposte del Pdl di modifica al dibattito alla Camera erano tutte contenute negli emendamenti presentati alla Camera e non discussi a causa della fiducia. Il capogruppo del Pdl sottolinea anche che tra le altre cose il testo del ministro Severino "ha delle pecche. Sia per quello che riguarda il traffico di influenza, già migliorato in Commissione ma ancora insufficiente, sia per quello che riguarda le pene minime, innalzate in modo asistematico, che non consentono di applicare una sanzione proporzionata alla gravità del fatto nel caso concreto. Sia perché è stato introdotto il reato di corruzione fra privati senza la perseguibilità a querela”. Quindi, conclude Cicchitto, “nessuno può cambiare le carte in tavola e affermare che noi siamo contrari alla legge sulla corruzione". Inoltre, spiega, per il Pdl è inaccettabile che in sede di conferenza dei Capigruppo alla Camera si continui a respingere "non tanto la calendarizzazione formale delle intercettazioni, che è già avvenuta da tempo, ma quella sostanziale per cui essa viene fatta scorrere di mese in mese per intervento del gruppo del Pd”. Nel dibattito entra anche il capogruppo al Senato del Pdl, Maurizio Gasparri, il quale punta il dito contro il ministro Severino che, a suo giudizio, “boicotta la riforma dell'avvocatura, calpesta i pareri del Parlamento, come sta facendo per le sedi giudiziarie, non vuol fare la legge sulle intercettazioni, non si confronta per varare una seria normativa contro la corruzione, e dice no alla responsabilità civile dei giudici. E anche su altro, e ne parleremo in Senato, il suo operato è censurabile”. 



  PAG. SUCC. >