BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Polito: Monti punta sul "tridente", ma basterà?

Pubblicazione:venerdì 11 gennaio 2013 - Ultimo aggiornamento:venerdì 11 gennaio 2013, 12.53

Mario Mauro, Pietro Ichino, Mario Monti, Gabriele Albertini (InfoPhoto) Mario Mauro, Pietro Ichino, Mario Monti, Gabriele Albertini (InfoPhoto)

E’ la stessa operazione fatta nel Lazio con la Bongiorno, volta a produrre quell’effetto trascinamento derivante dal prestigio personale.

Dal canto suo, il Pd, corre per vincere. Eppure, l’impressione, a partire dalle dichiarazioni di Enrico Letta («Monti è il nostro interlocutore privilegiato, sostenga il governo Bersani») è che stia montando la consapevolezza che sarà obbligato a governare con Monti

Beh, obbligato no. Sta di fatto che un’alleanza composta da deputati vendoliani, appartenenti alla sinistra Pdinterna-Cgil, e  all’area di Renzi, non è questo gran modello di coesione politica. Del resto, lo stesso Bersani ha sempre fatto presente che la necessità di allargare la coalizione dopo le elezioni esiste indipendentemente dai risultati ottenuti. Pensare di governare questa fase così difficile della vita italiana avendo strappato la maggioranza dei seggi con circa 40% dei voti reali è, quantomeno, azzardato. In sostanza, l’idea di Bersani è che i progressisti vincono, ma si aprono ai moderati.

Crede che, ad oggi, si tratti di una strada praticabile?

Il problema è capire quale prezzo, sul fronte programmatico, sono disposti a pagare sia il centrosinistra che il centro. Resta aperta, ovviamente, la partita su chi, posto che questa alleanza si faccia, avrà la presidenza del Consiglio.

 

(Paolo Nessi)




© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.