BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SONDAGGIO ELEZIONI/ Dopo lo show di Berlusconi, Monti spaventa ancora Pdl e Pd?

Pubblicazione:sabato 12 gennaio 2013 - Ultimo aggiornamento:sabato 12 gennaio 2013, 11.06

Pier Luigi Bersani (InfoPhoto) Pier Luigi Bersani (InfoPhoto)

Se, realmente, avessero voluto rappresentare il nuovo, non si sarebbero dovuti presentare in Parlamento con due simboli che si riuniscono sotto Fini e Casini, due eminenti personaggi della prima e della seconda Repubblica.

A questo punto, quanto potrebbe prendere il centro?

Anche da questo punto di vista, va sottolineato come l’intestarsi un 15% è stato un errore. Non si può inaugurare una campagna elettorale predisponendosi alla sconfitta. Sta di fatto che se Berlusconi continuerà a fare campagna elettorale con questi toni e in questi termini, gli eroderà ulteriori consensi.  A meno che non prevalga, negli elettori, la logica.

Cosa intende?

I cittadini potrebbero prendere atto del fatto che Berlusconi è stato numerosi anni al governo. E che la sua occasione l’ha avuta. Ciò che va ripetendo, quindi, non è altro che un discorso trito e ritrito. Se prendiamo per buona questa ipotesi, allora, forse, il centro potrebbe allargarsi.

Al di là del risultato, ritiene verosimile l’ipotesi in base alla quale il centrosinistra, non riuscendo a raggiungere la maggioranza in Senato (dove il premio viene attributo su base regionale), si trovi costretto ad allearsi con il centro montiano concedendo la presidenza del Consiglio al prof della Bocconi in cambio dell’impegno a lasciare Palazzo Chigi a Bersani, magari dopo due anni e in cambio di una poltrona di prestigio europea?

Credo che il centrosinistra si limiterà a chiedere un appoggio esterno al centro. Non possiamo, invece, escludere che Casini, avendo piazzato alcuni dei suoi uomini nella Lista Monti, decida di costituire – all’indomani delle elezioni - un proprio gruppo al Senato, per lasciare il centro e andare con il centrosinistra.

 

(Paolo Nessi)

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.