BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Violante: un patto con Monti sulle riforme? Ecco i 3 "pilastri"

Pubblicazione:

Luciano Violante (InfoPhoto)  Luciano Violante (InfoPhoto)

La linea del rigore dovrà inevitabilmente continuare ma, come abbiamo detto più volte, con elementi di maggiore equità rispetto a quella che abbiamo visto fino ad ora. La prima “spallata” doveva essere necessariamente rude, ma adesso siamo in grado di guardare con maggiore attenzione anche al versante dell’equità e dell’uguaglianza.

Come giudica l’apertura proprio nei confronti di Monti? Possiamo aspettarci una collaborazione anche più ampia in futuro?

Siamo competitori con Monti e avversari del centrodestra. Siamo stati leali nei confronti di Monti sino all'ultimo minuto del suo governo, quindi è normale che si guardi a una possibile alleanza. Se poi su alcuni temi programmatici giungeranno altri consensi, il Paese ne guadagnerà ancora, ma probabilmente è ancora troppo presto per ipotizzare altri eventuali interlocutori.

“Saranno possibili convergenze sulla legge elettorale o su riforme istituzionali, ma l'agenda Bersani non è l'agenda Monti. Sconfiggeremo quelli che giocano non per vincere ma per truccare la partita”. Come giudica le parole di Nichi Vendola?

Come ho detto, sono tre i temi fondamentali di carattere costituzionale che dovranno essere affrontati e su cui non credo che Vendola abbia obiezioni. Una volta definiti gli obiettivi, in caso di dissensi o dubbi, per le grandi scelte prevarrà il principio di maggioranza.

E’ per evitare scontri di questo tipo che è stato deciso di non costituire un gruppo unico parlamentare?

Sul gruppo unico decideranno i massimi responsabili dei due partiti. Ma più in generale gli scontri avvengono quando i temi su cui dibattere non vengono preparati in modo approfondito e adeguato alle difficoltà. Quando ci si confronta con la giusta attenzione alle ragioni degli altri,  alle esigenze della negoziazione e alla necessità della sintesi, le assicuro che tra persone in buona fede  si é in grado di superare ogni difficoltà.

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
15/01/2013 - Patto per non piangere o per ridere? (claudia mazzola)

Io so solo che la politica non mi aiuta a lavorare e dato che non mi piace lamentarmi, vi elenco i miei tre pilastri: Padre, Figlio e Spirito Santo.

 
15/01/2013 - ha ragione (Claudio Baleani)

Ha ragione Violante. Bisogna fare le tre cose che ha detto. Bisogna mettere le mani al sistema decisionale: sulla formazione del consenso politico e dunque parlamentare e sul funzionamento e formazione della volontà amministrativa. Insomma, come ha detto Berlusconi: ci vuole una riforma costituzionale.