BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FORMIGONI/ Mi candido al Senato con il Pdl. Sciolta la riserva

L'ex presidente della regione Lombardia Roberto Formigoni ha annunciato ufficialmente che si candiderà al senato per la lista del Pdl. Sciolta la riserva tenuta fino a oggi

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Roberto Formigoni testa di serie al Senato in Lombardia per il Pdl. Lo ha dichiarato l'ex governatore della regione Lombardia ponendo così fine alle speculazioni e alle incertezze sul suo futuro politico specie dopo aver detto durante la trasmissione Otto e mezzo di pensare di fare politica senza incarico istituzionale. Invece Formigoni torna alla politica attiva, in uno scenario nuovo quello del parlamento dopo i molti anni passati alla guida della regione Lombardia. In realtà Formigoni era già approdato al parlamento, quando nel 1987 era stato eletto deputato nelle file della Democrazia Cristiana. Era poi stato rieletto nel 1992 e nel 1994 coprendo nel biennio 1993-94 la carica di sottosegretario al ministero dell'ambiente nel governo Ciampi. Come si sa Formigoni per quanto riguarda invece la Lombardia inizialmente pensava di sostenere la candidatura di Albertini il quale però non ha mai trovato l'appoggio di Berlusconi che ha sempre preferito appoggiare il segretario della Lega Maroni. Dopo qualche polemica Formigoni ha poi deciso di confermare la sua militanza nel suo partito di sempre, il Pdl, nonostante le polemiche accese con lo stesso Maroni che prima di Natale avevano portato alla caduta della sua giunta proprio per decisione della Lega. Dal canto suo Maroni ha accolto felicemente il sostegno dell'ex avversario Formigoni. Parlando oggi al programma Unomattina ha detto che l'esperienza fatta negli ultimi diciassette anni, con Formigoni governatore, è qualcosa che deve continuare. Lo stesso Maroni ha dovuto fare marcia indietro su alcune sue precedenti dichiarazioni che volevano la Lega mai più alleata con il Pdl ma, sempre oggi, ha detto che correre da soli senza il Pdl avrebbe significato perdere sia in Lombardia che alle elezioni nazionali. "Avevo detto 'mai con un partito che sostiene Mario Monti e Berlusconi ha fatto cadere Monti'. L'accordo si basa su un programma e i contenuti sono i nostri, soprattutto per quanto riguarda il 75 per cento delle tasse che deve restare al Nord". E' questo infatti il punto forte insieme alla macro regione del nord del programma leghista.


COMMENTI
19/01/2013 - Teste (!?) di serie (Daniele Scrignaro)

Non sono in grado di dire se sia corretto definire "testa di serie" il primo di una lista di candidati alle elezioni per il Senato (non siamo né nel Grande Slam di tennis o in qualche coppa di calcio), o se "capolista" sia linguisticamente il termine giusto. Di sicuro in entrambi i casi non è previsto l'ex-equo, quindi il capolista o è Formigoni o è Berlusconi. Capisco che uno voglia tentare di salvare la faccia dopo i due balletti Albertini si-no e Maroni no-si, ma la "verità vi farà liberi" (Gv 8,32). Avevo sperato sentendolo a Ottoemezzo menzionare un impegno alternativ extra partiti tipo Mp per un'uscita con dignità, invece la 'cadrega' (per sé e, secondo un tweet di @TheQuaglia, altri cinque) del Berlusca ha vinto. "La Gagarella del Biffi Scala/ quand'in quattr'or le la bigia scoeula,/ la troeuva semper ona quai bala/ per vess lì pronta a bev el tè."

 
19/01/2013 - Ma va?! (Santino Camonita)

Non avevo che nessun dubbio che sarebbe finita così. Ci poteva risparmiare tutta la sceneggiata napoletana di questi giorni e dirlo subito. Una cosa è certa: questa volta non avrà il mio voto. Auguri.