BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Folli: quanto "costa" a Bersani l'asse con Monti

Pubblicazione:venerdì 18 gennaio 2013 - Ultimo aggiornamento:venerdì 18 gennaio 2013, 9.29

Pier Luigi Bersani (InfoPhoto) Pier Luigi Bersani (InfoPhoto)

Certo la convergenza tra Bersani e Monti è fatta nel segno dell'attuale politica europea, nelle scelte fatte in sede comunitaria con alcune correzioni, che però sono limitate. Al riguardo basta guardare quello che sinora ha potuto fare Francois Hollande. Non credo neppure che si possa pensare a un cambiamento della linea tedesca, perché a mio avviso Angela Merkel vincerà le elezioni”.

A questo punto Berlusconi si colloca in un'area che si può definire anti-europeista, anche se si dichiara un grande europeista. 

Di fatto, dopo l'alleanza con la Lega Nord, sembra proprio il leader di questa area anti-europeista, che è certamente più alta in Italia rispetto alla Francia. Poi naturalmente vengono fatte delle distinzioni. Un settimanale intervista Tremonti che parla di Monti come “traditore” dell'Italia, come il gauleiter tedesco. Le previsioni sono difficili, ma non credo che questa area del centrodestra possa risalire molto. E anche se il Cavaliere non fa scattare la maggioranza al Senato, tutto questo alla fine potrebbe ancora rafforzare Monti se raggiunge la quota che gli viene al momento aggiudicata.

 

(Gianluigi Da Rold)

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.