BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

STRANI AMORI/ Da Formigoni-Albertini a Di Pietro-Donadi: perché in politica le coppie scoppiano?

InfophotoInfophoto

Uno sguardo al sedicente centro: inutile parlare di Fini-Casini e Berlusconi e i suoi, roba vecchia, e non destinata alla storia. Veramente, Fini non ha fatto altro che dividere i suoi con il machete, e l’allenamento continua, a leggere la lettera violenta con cui il finiano doc Valditara prede le distanze dall’ex capo, con sdegno.

C’è Di Pietro, tradito dal suo sodale degli inizi, Donadi, pronto a sottrargli voti nonostante la bisaccia sia scarna, e ogni voto un tesoro. C’è la virata arancione di Favia, il dissidente di M5S portato dal capopolo in palmo di mano, che non aveva capito, o non voleva capire, che di libertà con i guru a decidere ce n’era poca, ed è passato a un’area più liberale…

C’è infine, tra i nomi che echeggiano nelle cronache politiche nazionali, il dissidio Formigoni-Albertini. Sembrava una deviazione di percorso, una semplice diversità di vedute, ed era all’inizio tutto un ma le pare, si figuri, faccia lei, scelga come crede, ci mancherebbe. Si presentano le liste, ed è una gara a chi sfila gli amici, chi si accaparra i più fidati,  chi punta a dividere l’altro e recriminare, ricattare, umiliare. C’eravamo tanto amati, può capitare. Magari faremmo a meno di veder citati gli Esercizi di Sant’Ignazio di Loyola o di don Giussani, per giustificare scelte di calcolo, pur sacrosanto. Magari preferiremmo che non si calcolassero in percentuali mie e tue i voti dei ciellini. Già sarebbe più interessante contare quelle dei cattolici, ma il Papa non ha più divisioni, e quelle poche sono divise tra loro, a rinfacciarsi chi è più fedele e chi più adulto. Sì, fa male vedere l’inimicizia tra i cristiani, che dovrebbero naturalmente tendere all’unità. Ci possiamo credere, che si tratta solo di punti di vista, e che poi sulle cose che contano cammineranno insieme? Ci possiamo credere, che nonostante i colpi di agenzie e le dichiarazioni ai talk show, continuano a incontrarsi a cena, in parrocchia, pronti a lavorare insieme?

© Riproduzione Riservata.