BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CASO COSENTINO/ Di Fiore (Il Mattino): il voto di scambio oggi è gestito dalla borghesia

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Ha fatto bene. La sua è certamente la politica che devono seguire oggi tutti i partiti per essere credibili. In un momento così difficile è fondamentale sapere a chi ci si affida. Anche un sospetto su qualcuno, e lo dico non per fare il giustizialista a ogni costo, può pesare: questa ansia di moralità della gente è ormai è datata nel tempo. Non può proseguire l'assuefazione ad avere persone in politica macchiate da comportamenti negativi, come cio hanno abituati tanti esempi negli ultimi vent'anni che era meglio non avere. Adesso bisogna sperare di voltare pagina in tutte le formazioni politiche e penso sia attualmente il sentire di tutti.

 

Esiste ancora oggi in Campania il cosiddetto voto di scambio? Anche diversi politici di sinistra vi sono rimasti coinvolti.

 

Non siamo più davanti a campagne elettorali come quella famosa del comandante Achille Lauro negli anni '50 che regalava una scarpa, promettendo: "Se vinco, ti regalo anche la seconda". Però i sospetti che ci siano blocchi di potere sociale che si spostano da una parte all'altra in maniera disinvolta per ottenere agevolazioni in base agli interessi del momento esistono tutt'oggi. E non si tratta di un problema solo legato ad un basso livello sociale, la famosa plebe di cui si parla sempre a Napoli, perché anche la media borghesia ha di queste responsabilità. E' proprio la borghesia quella che negli studi sull'analisi del voto è dimostrato si sia è spostata in maniera disinvolta da una parte e dall'altra.

 

In definitiva?

 

Oggi il Bassolino, che era un potente, quando va alla presentazione di un libro non ha più nessuna corte ad ossequiarlo. Fino a qualche anno fa veniva assalito da gente che chiedeva favori, che lo osannava. Certo è un costume diffuso in tutta Italia, ma è anche una analisi di tipo socio-politico dire che i consensi elettorali si spostano con disinvoltura e hanno ben poco di adesione ideologica. Si passa da un entusiasmo all'altro con molta facilità. 

© Riproduzione Riservata.