BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MONTI & IL CENTRO/ Cazzullo: un freno all'egemonia della sinistra, anche per la Chiesa

Pubblicazione:mercoledì 9 gennaio 2013 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 9 gennaio 2013, 9.53

Infophoto Infophoto

La realizzazione di un’entità inedita è stata inficiata da due fattori; Monti aveva promesso che non si sarebbe candidato, ma l’ha fatto. Inoltre, a Casini e Fini è mancato il coraggio di costruire, per tempo, un nuovo soggetto politico che non si limitasse ad essere la somma di Udc e Fli, ma rappresentasse quel partito della nazione di cui a lungo avevano parlato, nell’auspicio che vi potessero confluire i moderati del Pd come Fioroni, o del Pdl, come Pisanu. In un partito del genere, Monti, ma anche Montezemolo, avrebbero potuto riconoscersi con più facilità rispetto all’attuale aggregato di liste.

Avrebbero dovuto fare il Ppe italiano, quindi?

Questo sarebbe stato più difficile. La costruzione del Ppe deve pur sempre fare i conti con il Pdl di Berlusconi. Invece, avrebbero potuto dar vita ad una formazione  di centro che, sicuramente, avrebbe avuto uno grande spazio elettorale. Detto questo, resto convinto del fatto che il centro prenderà comunque parecchi voti.

Perché?

Lo spazio elettorale di mezzo è piuttosto vasto: Berlusconi gioca palesemente in difesa, riagganciando la Lega; Bersani, invece, ha dato al Pd un’impronta decisamente di sinistra. Sia alleandosi con Vendola, che emarginando i riformisti, da Renzi a Veltroni, fino allo stesso Ichino che già se n’è andato.

Quindi, quanto potrebbe prendere il centro?

Al Senato, più del 15%. A quel punto, Palazzo Madama, la cui legge elettorale è diversa da quella della Camera, e prevede un premio su base regionale, sarebbe privo di una maggioranza politica. Il centrosinistra, (tenuto conto del fatto che il Pd non supererà il 30%) sarà quindi costretto ad accordarsi con Monti. E, con ogni probabilità, a cedergli il passo a Palazzo Chigi.

Monti, intervistato da Alessandro Banfi su TgCom24, ha fatto sapere che intende abbattere le tasse, che l’Imu ce l’ha chiesta l’Europa e che ha sempre combattuto, nella sua carriera europea, le lobby e i poteri forti. E’ semplicemente in campagna elettorale, o il Monti politico sarà diverso dal Monti tecnico?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >