BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISI DI GOVERNO/ Violante: ora una maggioranza politica anche senza il Pdl

Pubblicazione:martedì 1 ottobre 2013

Luciano Violante Luciano Violante

E’ l’ alternativa che condannerebbe l’Italia al discredito internazionale. A quali condizioni può essere possibile arrivare fino al 2015? Dipende dal tipo di atteggiamento che avrà il Pdl e dal processo di elaborazione interna che si svilupperà all’interno del partito di centrodestra.

 

Sel può essere coinvolto nella maggioranza?

Sel può essere disponibile, anche se dipenderà da quale sarà il programma di governo. Io spero che Sel aderisca, d’altra parte il partito di Nichi Vendola non ha mai escluso una possibilità di questo tipo.

 

E il Movimento 5 Stelle?

Non so quali siano i progetti politici del Movimento 5 Stelle in quanto tale. A me risulta che il loro sia un programma sia puramente antagonista, senza capacità propositiva e di governo. Sui mezzi di comunicazione, anche quelli del movimento, gli insulti prevalgono nettamente sulle proposte. Trovo quindi difficile coinvolgere il movimento di Grillo nella sua interezza. Se poi ci sono delle persone all’interno del partito che invece si separano da questa linea politica e fanno credibili proposte di governo, le valuteremo con attenzione e saremo conseguenti. Io non ho pregiudiziali nei loro confronti, come nei confronti di nessuno naturalmente.

 

Lei come modificherebbe l’attuale legge elettorale?

In settimana la commissione Affari costituzionali del Senato affronterà il tema. La situazione è oggettivamente difficilissima perché ci sono due camere con un elettorato attivo diverso, ciascuna delle quali deve dare la fiducia. La liquidità del consenso elettorale non garantisce oggi alcuna maggioranza. Propongo un ballottaggio se nessuno degli schieramenti, in una o in entrambe le Camere, raggiunge una quota nazionale del 40 o 45%. Ritengo inoltre indispensabile un voto di preferenza con la seconda preferenza di genere, così come avviene per le elezioni di Comuni, Regione e Unione Europea.

 

Intanto si avvicina il Congresso del Pd. Lei sta con Cuperlo o con Renzi?

Io aspetto di vedere che cosa proporrà ciascuno di loro, per il partito e per la società italiana, e solo allora prenderò una decisione. Per scegliere mi baserò sulla chiarezza degli obiettivi e sulla corrispondenza tra i progetti e i valori.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
01/10/2013 - contrordine (Claudio Baleani)

Controdorine compagni. Adesso la borsa va bene e lo spread cala. Facciamo un riforma: aboliamo il governo.

 
01/10/2013 - il sel? (Claudio Baleani)

Violante vuole fare un governo col sel e 5 stelle. Vuol dire: "addio riforme costituzionali" e soprattutto un aiuto insperato proprio a Berlusconi e un avvitamento verso l'immobilismo. Vuol dire anche addio a Monti e a Mauro.