BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FRANCESCA PASCALE/Michelle Bonev: con Silvio è tutto finto, è lesbica. E scatta la denuncia

Pesante accusa di Michelle Bonev che smonta la relazione tra Berlusconi e Francesca Pascale. E rivela: "Silvio mi chiese più volte di portarla via da Arcore". Scatta la querela

immagine d'archivio immagine d'archivio

“La storia d’amore tra Francesca Pascale e Silvio Berlusconi? Una grande messinscena” queste le parole dell’attrice Michelle Bonev. La reazione non si è fatta troppo attendere e, repentinamente, la Pascale ha affidato al proprio avvocato il compito di querelare la Bonev. L’attrice e produttrice bulgara ha scritto sul proprio blog di essere stata costretta a vivere una vita fatta di continue bugie. “Non voglio più vivere nella falsità” scrive. “Basta ai compromessi che ho dovuto accettare negli ultimi dieci anni vissuti in un mondo che, scrive mi ha preso tutto: i sogni, gli ideali, la dignità”. La donna, vicina al Cavaliere in passato, come testimoniano le foto che continua a condividere, spiega i motivi per i quali, secondo lei, la love story tra i due non sia altro che un grande bluff. Il motivo? “Francesca è lesbica, ed io sono stata molto più che una sua amica” l’ammissione choc. E prosegue: “Silvio ha deciso di annunciare il fidanzamento pubblico con Francesca soltanto per continuare a divertirsi con lei e con le sue amiche, e non essere giudicato male dalla società”. Inoltre – stando sempre a quanto sostiene la bulgara – Berlusconi stesso l’avrebbe più volte pregata di portarla via da Arcore perché era una ricattatrice. Uno sfogo che non è passato certo sotto traccia. La donna continua a puntare il dito: “Pensava di aver fatto bene i conti, ma si è ritrovato con una fidanzata autoritaria e senza scrupoli” riferendosi al Cavaliere. Ma i legali negano: “è tutto falso” e l’avvocato di Francesca Pascale, Paola Rubini, ha già fatto sapere che agirà in tutte le sedi giudiziarie per vedere riconosciuta la totale infondatezza e la diffamatorietà delle accuse infamanti alla sua assistita.

© Riproduzione Riservata.