BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Legge di stabilità/ Rumors smentiti: niente tagli alla sanità, giù le tasse sul lavoro

Pubblicazione:

Enrico Letta e Angelino Alfano (Foto: Infophoto)  Enrico Letta e Angelino Alfano (Foto: Infophoto)

Legge di Stabilità: cosa ha deciso il cdm? - La più contestata norma della legge di stabilità, stando a quanto si leggeva sui giornali di oggi (a cui Letta aveva detto di non prestar fede) vale a dire il taglio alla sanità per un miliardo non c'è stato. Letta in conferenza stampa scandisce lentamente le parole "i conti quadrano senza nuove tasse per i cittadini e senza tagli alla sanità o al sociale, come avveniva negli anni scorsi". Insomma un discorso pieno di orgoglio quello di Letta che ha sottolineato come la manovra sia stata messa in piedi in soli otto giorni (lavorativi) che non ha esitato a definire un "rodeo". Nella legge di stabilità, ha proseguito Letta, "c'è una significativa riduzione delle tasse per le famiglie, lavoratori e imprese". Nella legge di stabilità c'è il "rifinanziamento del fondo per le politiche sociali, il fondo per la non autosufficienza, il 5 per mille". Con le misure prese con la legge di stabilità ci sarà un calo complessivo delle tasse nel triennio dal 44% "al 43,3%", un calo delle tasse "che per famiglie e imprese comincia subito". Con la Legge di Stabilità arriva 1 miliardo di "sconti" per per le ristrutturazioni edilizie e l'eco bonus, ha detto Letta. Arriva una "riduzione di tasse per le imprese di 5,6 mld con una curva crescente nell'arco del triennio". L'ammontare complessivo della manovra è di 11,5 miliardi nel 2014 e di due tranche da 7,5 miliardi all'anno per il biennio successivo. Viene anche rifinanziato per l'ammontare complessivo di 1,6 miliardi il fondo di garanzia per le piccole imprese.



© Riproduzione Riservata.