BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIETRO LE QUINTE/ Così Berlusconi ha spinto Alfano alla rottura

Pubblicazione:mercoledì 2 ottobre 2013

Infophoto Infophoto

“Il progetto politico di Berlusconi è chiaro: andare al voto il prima possibile e fare ricadere la responsabilità della crisi su Letta. Quindi fondare un nuovo partito di fedelissimi, Forza Italia, escludendo tutti gli esponenti moderati del Pdl come Lupi e Alfano che creeranno un nuovo soggetto politico più centrista e di governo”. Ad affermarlo è Gian Marco Chiocci, direttore de Il Tempo ed ex inviato d’inchiesta de Il Giornale.

 

Direttore, Berlusconi e i ministri del Pdl sono davvero divisi?

La divisione è netta, profonda e insanabile, e nasce sostanzialmente dalla visione della politica che ha Berlusconi. Il Cavaliere è un uomo molto passionale e secondo il suo modo di vedere molte delle persone a lui vicine non lo hanno seguito nelle sue battaglie. Altrimenti non si spiegherebbe questa rottura così forte all’interno del Pdl, e la stessa decisione di congelare i ministri senza dire niente ad Alfano.

 

Per quale motivo Berlusconi continua a cambiare strategia, tanto che un giorno parla di stabilità e il giorno dopo chiede le dimissioni dei ministri?

Il Cavaliere non vuole passare come colui che, per difendere i suoi interessi personali, ha provocato la crisi. Il suo scopo è quindi fare ricadere la colpa su Enrico Letta per il fatto che il governo non ha approvato il decreto sull’Iva. E’ un continuo rimandare la palla, un giorno è in vantaggio Berlusconi e il giorno dopo Letta. Nel momento in cui si voterà, Berlusconi vuole potersi presentare come quello che ha combattuto fino alla fine per l’abolizione delle tasse, e accusare Letta per il fatto che gli italiani dovranno pagare la seconda rata dell’Imu, l’Iva e la Tares.

 

Qual è il vero progetto del Cavaliere nel medio-lungo periodo?

Tornare a un partito vecchio stile, Forza Italia, con quelli che credono davvero in lui e nelle sue battaglie garantiste sulla giustizia. Molti degli esponenti di spicco del Pdl non troveranno alcun posto in questa nuova Forza Italia.

 

Lupi, Alfano e Cicchitto fonderanno un nuovo partito dei moderati?

Alla fine si creeranno due partiti. Il primo è Forza Italia, che starà con Berlusconi e combatterà le sue battaglie stando all’opposizione. Il secondo sarà un partito di governo, e vi confluiranno tutte le personalità del Pdl che non troveranno posto in Forza Italia.

 

Quindi nel prossimo futuro vede una scissione del centrodestra? 


  PAG. SUCC. >