BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VOTO DI FIDUCIA/ Zanda: il ripensamento di Berlusconi serve a nascondere la sua sconfitta politica

Duro il commento di Luigi Zanda alla mossa di Silvio Berlusconi di votare la fiducia al governo Letta, innanzi alla prospettiva di vedere il proprio partito dissolversi completamente.

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

L'improvviso cambio di rotta e l'inaspettato "sì" alla fiducia al governo Letta annunciato da Silvio Berlusconi nell'Aula del Senato, secondo il capogruppo del Pd a Palazzo Madama Luigi Zanda serve solamente a nascondere la sua inesorabile sconfitta politica. “Oggi si è formata una nuova maggioranza politica - ha detto Zanda - indipendentemente da tutte le operazioni tattiche e furbesche che contrastano con le parole e i gesti gravissimi che abbiamo ascoltato in questi giorni. E il voto che si aggiunge ora ha un senso ben evidente: nascondere la sconfitta politica che ha un volto chiaro”. Angelino Alfano pochi minuti fa reggeva un foglio con i numeri del Pdl: 32 contrari (ma che alla fine, come detto, voteranno sì), 25 favorevoli e 24 astenuti. Non si conosce ancora la decisione di quest'ultima fetta del partito, ma due esponenti pidiellini, D'Anna e Nitto Palma, non voteranno la fiducia. A voto effettuato si potrà quindi stabilire quante defezioni avrà comunque subito il Cavaliere.

© Riproduzione Riservata.