BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Rondolino: contro Alfano, Mauro e co. Berlusconi spera nel Porcellum

Pubblicazione:

Silvio Berlusconi (Infophoto)  Silvio Berlusconi (Infophoto)

Non so dirle esattamente quando. Ma, la scissione, ci sarà. Anche se finché il governo resterà in vita, e i falchi non torneranno all’attacco, l’interesse prevalente sarà quello di mantenere lo status quo. Quel che è certo, è che queste due anime faticano sempre più a convincere ed è interesse di entrambe separarsi. E’ indubbio, inoltre, che Berlusconi, tra l’età e la tenaglia giudiziaria, non potrà più essere il leader di un tempo. Molto, infine, dipenderà dalla legge elettorale.

 

Se resta il porcellum?

A quel punto, le due anime sarebbero costrette ad allearsi per contrapporsi alla sinistra. Tanto varrebbe non essersi separate. Altre leggi, invece, renderebbero possibile a ciascuno di correre per conto suo.

 

Scelta civica e Udc si aggregherebbero ai popolari?

Indubbiamente, molti degli esponenti dei due partiti, compresi Mario Mauro e Pierferdinando Casini, potrebbero essere della partita. Quel che c’è da capire è se tutti costoro daranno vita al “centrino”, l’ennesima forza minoritaria e inutile, o se riusciranno a diventare il nuovo centrodestra italiano, schiacciando Forza Italia sulla destra e relegandola ad essere un partito da una cifra. Insomma, ad oggi, i voti ce li ha ancora Berlusconi. Se i popolari si presenteranno come la nuova Dc, il loro fallimento sarà assicurato. Se riusciranno a proporsi come il nuovo punto di riferimento dei moderati, invece, potrebbero esserci delle sorprese.

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.