BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIUSTIZIA/ L’associazione magistrati: la legge Severino va cambiata

Pubblicazione:venerdì 25 ottobre 2013

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Il presidente del Associazione Nazionale Magistrati, Rodolfo Sabelli, nel corso del XXXI congresso dell’Anm, ha invocato correttivi alla legge Severino sulla corruzione, amnistia e indulto, parlando di come tutte le mosse fatte finora in merito siano state solamente “soluzioni effimere e provvisorie” che devono essere completate e migliorate con “ampi rimedi strutturali”. "Occorre intervenire alla luce dei profili critici evidenziati dalle sue prime applicazioni e nella persistenza di gravi e diffusi fenomeni di corruzione”, ha poi aggiunto, tentando di mettere anche un freno agli attacchi della politica verso le toghe. Sempre Sabelli è poi tornato a sollecitare “una radicale riforma” dell'attuale disciplina della prescrizione, frutto della “disastrosa” iniziativa targata 2005, che è stata “incongrua e dannosa”. E ha sottolineto come “l'illegalità diffusa nei settori della Pubblica amministrazione, dell'impresa, della finanza, sia una criminalità organizzata oggi ancor più infiltrata che nel mondo dell'economia, rendono ineludibile procedere all'adeguamento e alla revisione delle fattispecie penali e del regime sanzionatorio e assicurare l'efficacia dell'azione investigativa e la celerità dei processi”. Come detto, non è mancata una stoccata alla classe politica del nostro Paese, rimproverata per non aver finora “posto rimedio alla depenalizzazione di fatto” del falso in bilancio, e “non aver introdotto il reato di autoriciclaggio” che infatti ancora attende un’adeguata sanzione penale prevista dalla legge, non ancora adattatasi agli standard internazionali. Anna Maria Cancellieri, ministro della Giustizia è intervenuta nel corso del congresso promettendo di garantire e preservare sempre l’autonomia della magistratura. Ecco le parole del Guardasigilli: “Come ministro della Giustizia sono il garante e il custode dell'indipendenza e dell'autonomia della magistratura; sappiate che non verrò mai meno a questo compito. Ne riaffermerò l'importanza ogni qualvolta si renderà necessario".



© Riproduzione Riservata.
 
COMMENTI
25/10/2013 - commento (francesco taddei)

casta che ti passa