BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

BEPPE GRILLO vs NAPOLITANO/ Il giurista: perché Pd e Pdl sono "complici" di M5S?

Giorgio Napolitano (Infophoto)Giorgio Napolitano (Infophoto)

Grillo in questo momento si sente al di fuori delle dinamiche politiche, e quindi cerca di uscire dall’angolo. Lui dice “ci hanno messo nell’angolo”, ma la mia impressione è che in un angolo ci si sia messo da solo.

 

Il M5S è un movimento eversivo?

Io non so se nel M5S ci sia qualcosa di eversivo o pericoloso. Grillo ha raccolto consensi intercettando fastidio e disorientamento da parte di un elettorato che prima si riconosceva all’interno del sistema politico. Nel momento in cui il sistema politico è in dissoluzione, gli elettori tendono ad andare da tutte le parti. E’ il vecchio discorso di Pinuccio Tatarella: quando si rompe l’otre bisogna essere con la bacinella a raccogliere i voti.

 

Perché le riforme istituzionali possono creare disorientamento?

Nelle settimane scorse sono rimasto molto sorpreso quando ho sentito una persona normalmente equilibrata e attenta nell’uso dei termini, come Enrico Letta, dire che il sistema bicamerale è una stranezza e che non c’è in nessuna parte del mondo. Ciò potrà anche essere vero, ma non mi sembra la più felice delle uscite che ciò sia affermato dal presidente del Consiglio. Egli è infatti legittimato da un tipo di sistema istituzionale che in questo momento è bicamerale.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
29/10/2013 - Ignoranza o calcolo? (Franco Labella)

Ringrazio il prof. Mangia per aver sottolineato una "stranezza" di Letta. Quella relativa all'affermazione della unicità del caso italiano di bicameralismo perfetto. Non so su cosa abbia fondato Letta questa sua affermazione. Ma se un professore a contratto della Scuola S. Anna fa questa affermazione c'è da chiedersi: il cittadino comune si prenderà la briga di verificare se l'affermazione è corretta o la prenderà per oro colato? Ancora ieri sera in tv un economista (per lo meno questo era il sottotitolo) parlava di possibilità di non pagare il debito pubblico secondo una non meglio precisata teoria giuridica che consentirebbe di farlo senza che esso sia ripudiato. Anche qui la cosa incuriosirebbe uno studente non necessariamente "grillino". Sono maturi i tempi per ripristinare lo studio del Diritto nelle scuole superiori? Cosa ne pensa il prof. Mangia? Prof. Franco Labella - Coordinamento nazionale dei docenti di Diritto e Economia